home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Cerimonia d’aperturadell’anno accademicoIl prof. Cacciari«Investire sulla ricerca»

Cerimonia d’apertura dell’anno accademico Il prof. Cacciari «Investire sulla ricerca»

Tradizionale appuntamento nell’Aula Magna «Santo Mazzarino» del Monastero dei Benedettini / VIDEO

Cerimonia d’apertura dell’anno accademico Il prof. Cacciari «Investire sulla ricerca»

«Il nostro sistema politico deve capire da un movimento di opinione pubblica che, in un paese dove la percentuale di giovani laureati è la più bassa d’Europa, è necessario porre come priorità l’investimento in studio e ricerca o il destino dell’università sarà segnato». È stato il professor Massimo Cacciari con il suo intervento dal titolo «Luoghi e confini» a concludere la cerimonia di inaugurazione dell’Anno Accademico 2015 – 2016 dell’Università degli Studi di Catania, svoltasi stamattina presso l’Aula Magna «Santo Mazzarino» del Monastero dei Benedettini.

 

La mattinata è iniziata con il tradizionale corteo storico, che ha visto sfilare lungo i corridoi del Monastero alcuni docenti dell’Ateneo (in rappresentanza dei vari dipartimenti) e numerosi ospiti tra i quali rettori e prorettori di alcune importanti università italiane.

A introdurre gli interventi in aula è stato un momento musicale a cura del Coro del Teatro Massimo Bellini di Catania diretto dal Maestro Ross Craigmile che ha eseguito due brani dal Nabucco (“Gli arredi festivi” e “Va, pensiero”), il coro “A bocca chiusa” da Madama Butterfly e un “Gaudeamus igitur”, dedicato ai giovani. Nel suo intervento il magnifico rettore Giacomo Pignataro ha preso le mosse da uno scritto di Massimo Recalcati sulla scuola per delineare il difficile contesto che l’istituzione universitaria si trova a fronteggiare. Il docente ha poi ricordato quanto fatto dall’Ateneo in ambito di ricerca e progettualità: dal completamento d’infrastrutture, come le cosiddette “torri biologiche”, alla riorganizzazione strutturale che ha portato alla riduzione (da 23 a 18) del numero di dipartimenti. Durante la mattinata, prima della lectio magistrale di Cacciari, sono anche intervenuti il rappresentante degli studenti Angelo Crimi, il rappresentante del personale tecnico – amministrativo Salvatore La Giglia e il direttore generale dell’Università, dott. Federico Portoghese.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa