home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Stipendi arretrati, musei e siti culturali rischiano di chiudere a Natale

Se la Regione non adempirà entro la metà di dicembre, i sindacati non approveranno alcun progetto obiettivo di ampliamento dell’offerta culturale per le prossime festività

Stipendi arretrati, musei e siti culturali rischiano di chiudere a Natale

PALERMO - Aperture di musei e siti culturali a rischio in Sicilia nelle feste di Natale. Se la Regione non pagherà entro la metà di dicembre alcune spettanze arretrate attese dal personale, il sindacato Cobas/Codir, il più rappresentativo tra i dipendenti regionali, annuncia che non firmerà alcun accordo sull'ampliamento dell’offerta culturale per il periodo delle feste, come prevede un protocollo d’intesa siglato lo scorso febbraio. 

Il protocollo d’intesa firmato a febbraio dovrebbe consentire al personale dei siti culturali di superare, su base volontaria, il limite contrattuale fino al raggiungimento di un massimo di 2/3 delle prestazioni festive da effettuare nel corso dell’anno solare. E’ prevista anche la possibilità di ampliare l’offerta culturale del patrimonio siciliano mediante progetti obiettivo mirati e di superare gli ostacoli posti dal dipartimento della Funzione pubblica, circa l'individuazione dei criteri che permetteranno di definire il personale turnista, dall’altro di valorizzare le professionalità esistenti all’interno del sistema dei beni culturali. «Nonostante da parte sindacale fosse stato rispettato il protocollo e il personale con senso di responsabilità abbia garantito all’amministrazione e alla collettività la massima apertura e fruizione dei siti culturali siciliani - dicono Michele D’Amico, responsabile regionale del Cobas/Codir per le politiche dei Beni culturali, e Simone Romano, coordinatore regionale del CuPaS/Codir - il Dipartimento regionale della Funzione Pubblica continua inopinatamente a ritardare i pagamenti del saldo piano di lavoro 2016 di più della metà delle strutture centrali e periferiche del dipartimento beni culturali, dei progetti obiettivo di ampliamento dell’offerta culturale 2016, del compenso per la qualità della prestazione professionale individuale 2016, della indennità di turnazione e dell’indennità di tutela e vigilanza del 2017».


«Stamani - continuano i sindacalisti - il dipartimento beni culturali con tanta sfrontatezza ha convocato le organizzazioni sindacali per la trattazione dei progetti obiettivo di ampliamento dell’offerta culturale per le prossime festività natalizie. Se entro e non oltre la prima settimana di dicembre i mandati di pagamento dei progetti obiettivo dello scorso anno e delle indennità di turnazione e dell’indennità di tutela e vigilanza del 2017 non saranno inviati alla Ragioneria per pagare le prestazioni già abbondantemente espletate dal personale del settore della fruizione e vigilanza dei siti culturali siciliani e da tutto il personale del settore tecnico-amministrativo, riterranno congelato il protocollo d’intesa 2017 e non approveranno alcun progetto obiettivo di ampliamento dell’offerta culturale 2017 per le prossime festività natalizie».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO