WHATSAPP: 349 88 18 870

Storie sotto il Vulcano raccontate dai ragazzi viaggiando a bordo di una littorina

Le storie sotto il Vulcano raccontate dai ragazzi viaggiando a bordo di una littorina

Per i passeggeri del concorso “Storie sotto il vulcano. I ragazzi raccontano” l'invasione delle stazioni dei comuni etnei per fondere in un abbraccio simbolico le diverse realtà scolastiche territoriali FOTO VIDEO

Le storie sotto il Vulcano raccontate dai ragazzi viaggiando a bordo di una littorina

Definirlo un viaggio in littorina è riduttivo. Per i passeggeri del concorso “Storie sotto il vulcano. I ragazzi raccontano” c’è davvero tanto altro. Il concorso si è fatto contaminazione e ha invaso le stazioni dei comuni etnei per fondere in un abbraccio simbolico le diverse realtà scolastiche territoriali con il supporto delle istituzioni locali.

A bordo, infatti, assieme a studenti e insegnanti anche l’editore Giuseppe Maimone; la responsabile del progetto, Monica Maimone; il prof. Paolo Sessa; i sindaci di San Giovanni La Punta e Paternò; gli assessori alla pubblica istruzione di Gravina, Pedara, Belpasso, San Giovanni La Punta e Castiglione di Sicilia; il direttore di EtnaComics assieme a “Le ragazze del Maid Okaeri”; il dirigente del Parco dell’Etna; la responsabile del Parco avventura di Milo e il direttore commerciale del gruppo Trony-Papino, sponsor del concorso.

GUARDA LA GALLERY FOTOGRAFICA

La prima fermata è alla stazione di Misterbianco, dove sono già schierati alunni e docenti degli istituti comprensivi “Leonardo Da Vinci”, “Pitagora” e “Gabelli”, poi c’è stata la tappa a Belpasso, dove gli istituti comprensivi “Redi” e “Giovanni Paolo II”, l’industriale “Ferraris” e il liceo scientifico “Giusti” hanno accolto i passeggeri della littorina con canzoni popolari siciliane.  A Paternò c’erano gli istituti comprensivi “Marconi” e “Nicolosi”. A S.M. di Licodia, c’era l’istituto comprensivo “Don Bosco”, a Biancavilla i ragazzi dell’istituto comprensivo “Bruno”, ad Adrano, gli alunni degli istituti comprensivi “Mazzini”, “Verga” e “Guzzardi”, l’istituto tecnico “Branchina”, il liceo “Verga” e l’istituto agrario; a Bronte il benvenuto della scuola media statale “Castiglione” e degli gli istituti “Radice”, “Capizzi”, “Mazzei” nonché dell’ alberghiero “Falcone” di Maniace. Un viaggio bellissimo.

A Randazzo la littorina è stata accolta dal cartellone dei ragazzi dell’istituto comprensivo “De Amicis”, presenti insieme a quelli dell’istituto “Medi”, poi a Solicchiata è stata la volta dei ragazzi dell’istituto comprensivo “Calì” di Castiglione e del liceo “Amari” di scienze umane. Al capolinea di Linguglossa c’è stato l’abbraccio degli studenti degli istituti “Calì” e “Amari”.

“Abbiamo voluto – dice l’editore, Giuseppe Maimone - rompere le gabbie dei programmi scolastici e spingere i ragazzi alla conoscenza del proprio territorio e della propria identità”. “Il progetto – dice la responsabile, Monica Maimone - punta sulla creatività dei nostri giovani, primi produttori della cultura del domani nel nostro territorio. Il prossimo incontro sarà il 6 maggio al Parco avventura di Milo”.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa