WHATSAPP: 349 88 18 870

Palazzo Giustizia Palermo: "rivivono" stanze Falcone e Borsellino

Palazzo Giustizia Palermo: "rivivono" stanze Falcone e Borsellino

Il "bunkerino" è stato ricostruito con oggetti dell'epoca usati dai due giudici uccisi dalla mafia

Palazzo Giustizia Palermo: "rivivono" stanze Falcone e Borsellino

PALERMO - E’ stato presentato oggi, nell’aula magna della corte d’appello di Palermo, il museo della memoria allestito negli uffici del palazzo di giustizia che negli anni '80 ospitarono i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.
 Per motivi di sicurezza, nei primi anni '80, quando Falcone istruiva il cosiddetto processo Spatola, atto d’accusa al re del contrabbando, Borsellino indagava sull'omicidio del capitano Basile e la mafia uccideva il giudice Rocco Chinnici, i due magistrati vennero trasferiti in un’ala blindata del palazzo che venne chiamata «bunkerino».

 

Le stanze si trovano nel piano ammezzato del tribunale e grazie al contributo di magistrati e personale amministrativo sono state «ricostruite» con gli oggetti dell’epoca: dalla macchina da scrivere usata dai giudici, all’apparecchiatura della videosorveglianza. Su una scrivania si possono vedere ancora le fotocopie degli assegni sequestrati da Falcone durante un’inchiesta e atti giudiziari.

 

Alla cerimonia di inaugurazione del museo della memoria hanno partecipato il presidente della giunta dell’Anm Matteo Frasca, il presidente della corte d’appello Gioacchino Natoli, la sorella di Falcone, Maria, il procuratore di Palermo Francesco Lo Voi, il prefetto Antonella De Miro, il procuratore generale Roberto Scarpinato, il comandante provinciale dei carabinieri Giuseppe De Riggi, il questore Guido Longo e numerosi magistrati palermitani.
 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa