WHATSAPP: 349 88 18 870

TARANTO

Musei: a Taranto il riscatto del MarTa

Direttrice, in 1000 a Ferragosto, "per città può essere motore"

Musei: a Taranto il riscatto del MarTa

TARANTO, 16 AGO - Un percorso alla scoperta di 6500 anni di storia. Anche a Ferragosto il Museo archeologico (MarTa) di Taranto ha confermato il trend positivo con un migliaio di visite. Alla fine di luglio la struttura ha aperto al pubblico anche il secondo piano con un testimonial d'eccezione: Matteo Renzi. Il museo custodisce gelosamente decine di migliaia di reperti che vanno dal quinto millennio avanti Cristo all'età Bizantina. I reperti sono di assoluto rilievo: ad esempio il restaurato Zeus di Ugento, ritrovato nel 1961 in Salento, la copia della 'Persefone Gaia' e la Kore di Montegranaro. Ci sono poi le Veneri di Parabita di 20mila anni fa, e l'Atleta di Taranto, un unicum archeologico. Degl'Innocenti ha fortemente voluto il progetto 'Fab Lab', un luogo didattico accessibile a tutti. Il passo successivo sarà la digitalizzazione (il MarTa 3.0), basato anche sulla stampa 3D. "Perché - dice - per Taranto il MarTa può essere il motore dello sviluppo".

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa