WHATSAPP: 349 88 18 870

Una Sicilia migliore: 100 auto elettriche per ridurre tonnellate di emissioni di CO2

Una Sicilia migliore: 100 auto elettriche per ridurre tonnellate di emissioni di CO2

L’iniziativa, presentata a Catania e finanziata da Sibeg, prevede un forte slancio verso e-mobility GUARDA IL VIDEO

Una Sicilia migliore: 100 auto elettriche per ridurre tonnellate di emissioni di CO2

CATANIA - La Sibeg, società che dal 1960 produce, imbottiglia e distribuisce tutti i prodotti a marchio The Coca-Cola Company, sarà la prima azienda in Europa a dotarsi di 100 auto full electric Citroën C-Zero per i suoi 100 addetti vendite, sostituendo interamente quelle endotermiche attualmente in uso. Questo consentirà di ridurre in un anno 330 tonnellate di emissioni di CO2, pari alla quantità assorbita da 24.750 alberi. L’iniziativa della Sibeg, all’ottavo posto tra le aziende produttrici di bevande analcoliche in Italia e tra le top 50 aziende siciliane per ricavi nelle vendite e numero di dipendenti, è sostenuta economicamente e interamente dall’azienda con un investimento di 2,4 milioni di euro per il primo triennio.  

 

Il “Mobility Green Project” è stato presentato nello stabilimento di Catania durante una conferenza stampa patrocinata dal Ministero dell’Ambiente, alla presenza dall’amministratore delegato di Sibeg Luca Busi. Vi hanno preso parte, tra gli altri, l’assessore alle infrastrutture della Regione Siciliana Giovanni Pizzo, il direttore del marchio Citroen Angelo Simone, il responsabile mercato Italia di Enel Nicola Lanzetta ed il sindaco di Catania Enzo Bianco.   L’iniziativa Sibeg, tra le top 50 aziende siciliane per ricavi nelle vendite e numero di dipendenti, prevede anche un investimento sul territorio e per il territorio, grazie ad una partnership con Enel Energia che fornirà le infrastrutture per la ricarica dei veicoli elettrici con 50 colonnine, che saranno installate per la maggior parte nelle aree di sosta dei punti vendita della grande distribuzione in tutta l’Isola e accessibili al pubblico.  

 

GUARDA IL VIDEO

 

«Dietro c’é un grande sogno dell’imprenditore che vuole una Sicilia migliore, una Sicilia che cura la propria sostenibilità ambientale nel medio e lungo termine e quindi abbiamo scelto di essere la prima ‘field force full electric’, con un impatto sul territorio della Sicilia ed una diminuzione di in un anno di 339 tonnellate di CO2. In un anno creiamo 31 campi da calcio di bosco». Lo ha detto Luca Busi, amministratore delegato di Sibeg, sull’iniziativa della stessa azienda di dotare di 100 auto full electric Citroën C-Zero gli addetti vendite, sostituendo interamente quelle endotermiche attualmente in uso.  

 

«È fantastico come progetto - ha aggiunto - per una Sicilia di sviluppo guardando il medio e lungo periodo e per una forte sostenibilità ambientale. Non abbiamo avuto nessun finanziamento e abbiamo una forte parnership con Enel, una azienda vicina che ci spinge in un percorso molto importante ed abbiamo una azienda come Citroen che secondo noi ha le migliori macchine elettriche in commercio in questo momento. Sibeg, in questa direzione, rappresenta ormai un modello d’innovazione. Siamo certi che l’investimento effettuato contribuirà a dare un importante slancio al settore dell’e-mobility».  

 

Sull’operazione è intervenuto anche Muhtar Kent, Ceo di The Coca-Cola Company. «In tutto il sistema Coca-Cola - ha detto - ci siamo sempre impegnati per fare la differenza, in modo positivo e duraturo, attraverso il nostro business e la nostra offerta di bevande. Sibeg, il nostro partner imbottigliatore, è l’esempio virtuoso di questo impegno, per una sostenibilità ambientale che dura nel tempo, grazie all’utilizzo di veicoli a zero emissioni, contribuisce durante ogni consegna, a migliorare la comunità in cui opera proiettandosi al mondo intero».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa