WHATSAPP: 349 88 18 870

La riscossa del cinema italiano che fa incetta di Nastri D’Argento

La riscossa del cinema italiano che fa incetta di Nastri D’Argento

Sorrentino, Garrone e Moretti trionfano
La riscossa del cinema italiano che fa incetta di Nastri D’Argento
TAORMINA. Il meglio del cinema italiano per una serata di gala a Taormina. I «Nastri d’argento» (la cerimonia di consegna al Teatro Antico) risarciscono il cinema italiano dei premi mancati a Cannes e cadono a pioggia sui tre film che avevano partecipato al concorso della Croisette. «Youth» di Paolo Sorrentino, «Il racconto dei racconti» di Matteo Garrone e «Mia madre» di Nanni Moretti ma anche su quel film, «Anime nere» di Francesco Munzi che semignorato alla Mostra di Venezia 2014, ha recuperato dopo in pubblico, distribuzione estera e premi. Stasera sul palcoscenico del Teatro Antico il Sngci (sindacato nazionale giornalisti cinematografici italiani) celebra un’annata ricca di cinema italiano in cui, ancora una volta, la commedia fa la parte del leone. Inatteso il verdetto a tre con una spartizione dei Nastri più importanti tra «Anime nere», «Il racconto dei racconti» e «Youth. La giovinezza» (tre premi ciascuno). Sorrentino risulta regista del miglior film 2015, «Youth La giovinezza», che conquista anche fotografia (Luca Bigazzi) e montaggio (Cristiano Travaglioli). Ad «Anime nere» vanno i Nastri per la migliore produzione (Cinemaundici di Luigi e Olivia Musini) e per la sceneggiatura (ancora Munzi con Fabrizio Ruggirello e Maurizio Braucci). E tre Nastri d’Argento anche a «Il racconto dei racconti» di Matteo Garrone: premiati i costumi di Massimo Cantini Parrini (con la Sartoria Tirelli), che ha conquistato anche i premi per il sonoro in presa diretta (Maricetta Lombardo) e per le scenografie (di Dimitri Capuani). Nastro alla musica di Nicola Piovani per «Hungryhearts» e a Francesco De Gregori per la migliore canzone nel film di Paolo Genovese «Sei mai stata sulla luna? ». «Noi e la Giulia» di Edoardo Leo è la migliore commedia, Claudio Amendola miglior attore non protagonista. Inoltre Margherita Buy è premiata per «Mia madre», Micaela Ramazzotti e Alessandro Gassman per «Il nome del figlio» (lui anche per «I nostri ragazzi»). Ninetto Davoli ha ricevuto a Roma il Nastro alla carriera con due signore del teatro Giulia Lazzarini per «Mia madre» di Nanni Moretti e Adriana Asti per «Pasolini» di Abel Ferrara. Il Premio Nino Manfredi condiviso con la famiglia di Nino e in particolare con la moglie Erminia, va a Paola. Un Manfredi per Lillo & Greg. Film dell’anno è «Il giovane favoloso» di Mario Martone. Un Premio speciale va a Cristina Comencini per «Latin lover» a «Il ragazzo invisibile» di Gabriele Salvatores, Nastro per il miglior soggetto (Fabbri, Rampoldi, Sardo). Un Nastro internazionale – dopo quello europeo ritirato a Roma da Laura Morante e Lambert Wilson - premia il grande fotografo delle star. Douglas Kirkland. Premio Hamilton Behind a Luca Zingaretti, debutto da produttore e protagonista in Perez. La serata al Teatro Antico di Taormina è condotta dalla presidente del Sngci Laura Delli Colli e andrà in onda in differita il 3 luglio su Raiuno.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa