WHATSAPP: 349 88 18 870

È tempodi rock festival:l'isola terra fertileper i raduni indie

È tempo di rock festival: Sicilia terra fertile per i raduni indie

Il 6 agosto a Castelbuono la XIX edizione dello "Ypsigrock"

È tempo di rock festival: Sicilia terra fertile per i raduni indie

Ypsigrock e i suoi fratelli. La Sicilia si scopre terra fertile per i festival di musica indie e, mentre l’ormai storica manifestazione di Castelbuono richiama ogni estate migliaia di appassionati (nell’edizione 2014 si sono toccate le settemila presenze), iniziative dall’impostazione simile si moltiplicano di anno in anno nel resto dell’Isola. Solo nelle prime due settimane di agosto sono ben cinque i festival in agenda. Con un’offerta che spazia dal rock all’elettronica, passando per il rap e il cantautorato, e un diffuso respiro internazionale che non scade mai nella sterile esterofilia. Una Sicilia moderna, dunque, lontana dai luoghi comuni e con uno sguardo sempre ben concentrato sulla valorizzazione del patrimonio architettonico e naturalistico.

 

Non è un caso che l’Ypsy, lo scorso anno, abbia ricevuto l’Onstage Award 2015 come miglior festival italiano ed oggi venga considerato il più rappresentativo nel panorama europeo tra quelli organizzati nell’intera Penisola. Gianfranco Raimondo, direttore artistico insieme a Vincenzo Barreca, prova a spiegarci le ragioni del successo. «Al pari dei più storici fratelli maggiori europei – dice la nostra location è abbastanza esotica, lontana dai circuiti mainstream, e offre l’opportunità di vivere il festival h24 con un’immersione nel verde del Parco delle Madonie. Ma soprattutto non abbiamo un pubblico affezionato ad una band o artista in particolare: la gente ama la formula festival in sé con un approccio di curiosa attesa per ogni artista sconosciuto che andrà a scoprire». L’agosto siciliano festivaliero inizia oggi a Castellammare del Golfo (Tp), dove prende il via la terza edizione di Beat-Full Festival . Quattro giorni di musica con gli eventi principali che si svolgeranno nella location allestita ai piedi del castello arabo-normanno e djset sulla spiaggia, nella splendida baia di Guidaloca, a pochi minuti dal camping che accoglierà gli abbonati. Il sipario si alza stasera, alle ore 21, con il jamaicano Junior Kelly, considerato uno dei pionieri della new roots, e la Roots Harmonics Band.

 

A seguire, Dub Pistols Sound System, gruppo inglese che mescola dub, hip hop, jungle ed elettronica, il rapper romano Mezzosangue, il genovese Raphael e gli Shakalab. Domani sul palco principale del Beat-Full saliranno i Noisia, produttori olandesi (Nik Roos, Martijn van Sonderen e Thijs de Vlieger) che hanno scelto la Sicilia per la loro unica data nel Sud Italia di questa estate. Apertura affidata a Teddy Killerz (elettronica dalla Russia), Shy Kidx, Stonic e N’Hash. Headliner della serata dell’1 agosto sarà uno dei migliori freestyler italiani, Clementino. Prima di lui il noisetronic degli Aucan, l’alternative rock degli emiliani Zeus!, il turntabler Dj Tayone, l’elettronica psichedelica dei torinesi Niagara e il rap di Picciotto. Festa di chiusura il 2 agosto, ad ingresso gratuito, che vedrà ospite il canadese Frase. Tra le finalità del BeatFull vi è anche quella di finanziare progetti a valenza sociale curati dalle realtà che lo co-organizzano: Db Produzioni, Emmelab e Badside. Sono motivazioni analoghe a quelle che hanno spinto, quattro anni fa, l’associazione culturale Mirtorock ad organizzare un festival nel piccolo centro di Mirto, sui Nebrodi. «Siamo consapevoli – spiegano che a partire da una proposta culturale diversa si possa poi arrivare a un vero e proprio “contenitore” di progetti riguardanti la salvaguardia del territorio, la raccolta differenziata, la sensibilizzazione verso il consumo critico ed i cibi a km zero».

 

La quarta edizione di “Mirtorock” prenderà il via domani con un opening party gratuito in piazza Vittorio Emanuele, proprio nel cuore del paese. Protagonisti i ritmi sghembi del duo romano Le Sigarette!! e i cunti folk-rock dei messinesi Big Mimma. I concerti ufficiali si svolgeranno invece nella villetta comunale. La prima sera spazio al cantautore Iosonouncane che porterà per la prima volta in Sicilia il suo secondo album Die , considerato dalla critica uno dei migliori dischi italiani del 2015. Dopo di lui il rap degli Uochi Toki, il rock stralunato dei Moustache Prawn, l’esordio del power trio strumentale Dick Hudson e djset finale a cura dei Brainfreeze. Headliner della seconda serata saranno invece i Julie’s Haircut che tornano a suonare in Sicilia dopo ben quattordici anni. A seguire Miles Cooper Seaton, fondatore del collettivo artistico californiano akron/family, che in esclusiva presenterà il suo progetto solista. Sul palco anche Platonick Dive, che lo scorso marzo hanno aperto le date italiane dei Blonde Redhead, il giovanissimo Wrongonyou, vincitore dell’ultima edizione di Arezzo Wave Lazio, e il live set elettronico dei Montoya. A pochi giorni dall’inizio, fissato per il 6 agosto, Ypsigrock ha intanto svelato le due nuove band che arricchiranno il nutrito cast della XIX edizione. Dopo i forfait dell’ultim’ora di Kate Tempest e Micah P. Hinson, in line up entrano i KVB, tra le band più acclamate della scena shoegaze britannica, e le Hinds, garage pop-band spagnola per la prima assoluta in Italia, Confermate le esibizioni in esclusiva per l’Italia di artisti e band del calibro di Future Islands, Metronomy, Battles, The Sonics, Temples, East India Youth, Bipolar Sushine, The Fat White Family, oltre alle attese tappe del tour dei Notwist e i set di Be Forest, Clap! Clap!. L’Ypsi 2015 sarà inaugurato il 6 agosto con l’apertura del camping nell’area attrezzata di San Focà, all’interno del Parco delle Madonie, e dallo show dei dj resident PartyZan (Fabio Nirta e Robert Eno) che alzeranno per la prima volta il sipario del “Cuzzocrea Stage”, nuovo palco voluto dall’associazione Glenn Gould per ricordare il giornalista Stefano Cuzzocrea, prematuramente scomparso.

 

Tutti gli altri live andranno in scena dal 7 al 9 agosto al Castello Stage (Piazza Castello) e all’Ypsi & Love Stage (Chiostro di San Francesco). Qualche giorno di pausa e poi, il 12 agosto, si ricomincia ad Alcamo, dove nell’ex Collegio dei Gesuiti, prenderà il via Nuove Impressioni , festival nato sette anni fa grazie all’intraprendenza di alcuni giovani professionisti del posto. «Anche quest’anno ci saranno buona musica, cinema e dibattiti su alcune delle più scottanti questioni sociali relative al nostro territorio», anticipa il presidente dell’associazione Koiné, Domenico Surdi. Giornate intense che raggiungeranno il culmine in due serate gratuite. Ospiti principali il 12 agosto saranno i cantautori Umberto Maria Giardini, conosciuto fino a qualche anno fa col nome d’arte di Moltheni, e Iosonouncane. Sul palco anche Phia, artista australiana che ha conquistato Berlino con il suo kalimba e una grande voce, mentre in chiusura è previsto il dj set elettronico di Luskaet. Il 13 agosto protagonisti gli ...A Toys Orchestra, con il loro album nuovo di zecca, Butterfly Effect , e il duo folk-rock Pan del Diavolo. Apriranno i Melampus, mentre il dj set conclusivo è affidato a Kaki Hara, componente dei Torakiki. Nella stessa serata, quella del 13 agosto, il cantautorato italiano sarà invece l’assoluto protagonista della seconda edizione di Indiegeno Fest , in programma al Teatro Greco di Tindari (Me).

 

Anche in questo caso la “mission” del festival, organizzato dall’etichetta discografica Leave Music, è quella di «sensibilizzare il pubblico alle bellezze artistico-naturali del territorio attraverso uno spettacolo che fa della ricerca e della qualità il proprio vessillo». Qualità che sarà assicurata dalle esibizioni, a partire dalle ore 19, del romano Tommaso Di Giulio e dei siciliani Dimartino, Levante e Colapesce, per finire con l’atteso show di Nicolò Fabi, sul palco assieme ai genovesi GnuQuartet. Novità per “Indiegeno” sarà la presenza, per la prima volta in Sicilia, del MeiMeeting delle Etichette Indipendenti. Si confronteranno operatori musicali e artisti e vi sarà anche l’opportunità per gli emergenti di far ascoltare i proprio demo agli addetti ai lavori. Ulteriore testimonianza di come la Sicilia si stia ritagliando un ruolo sempre più di rilevante nello scenario indie italiano.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa