home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

I martiri, dal 19 settembre in edicola con La Sicilia

I martiri, dal 19 settembre in edicola con La Sicilia

In omaggio per gli abbonati al quotidiano e alla versione digitale de La Sicilia

Gentile lettrice, gentile lettore,

sabato 19 settembre sarà in edicola con La Sicilia, l'inserto "I martiri". E' il sesto inserto della collana che ripercorre i 70 anni di storia del nostro giornale. E' dedicato a quegli uomini di Sicilia che hanno sacrificato la loro vita per opporsi ai soprusi della mafia e a difendere i valori della democrazia e della libertà. Due di loro, come Don Puglisi e il giudice Rosario Livatino, sono stati innalzati dalla Chiesa agli onori degli altari, riconosciuti come "martiri" della lotta alla mafia. Ma c'è anche chi, come Libero Grassi, è divenuto una vera e propria icona della imprenditoria libera che non vuole accettare i ricatti mafiosi anche a costo della propria vita.

 

 

Un capitolo, aperto dall'articolo dell'editorialista ed ex direttore de La Stampa, Marcello Sorgi, è dedicato agli otto giornalisti siciliani che, negli ultimi cinquant'anni, sono caduti sotto i colpi dei killer di Cosa nostra. Cosimo Cristina, Mauro De Mauro, Giovanni Spampinato, Peppino Impastato, Mario Francese, Giuseppe Fava, Mauro Rostagno, Beppe Alfano: otto lapidi per ricordare che la libertà di stampa è un bene prezioso che questi otto giornalisti hanno difeso a prezzo della vita.

 

Tra i martiri della lotta alla mafia anche i servitori dello Stato. In questo inserto, le prime pagine de La Sicilia ricordano il sacrificio dei poliziotti caduti in uno dei periodi più bui della storia della nostra terra, quando la mafia aveva dichiarato guerra alla polizia e chi serviva lo Stato si sentiva abbandonato proprio dalle istituzioni che difendeva a costo della propria vita.

 

 

In quegli anni si aprì uno scontro istituzionale senza precedenti tra agenti e l'allora ministro dell'Interno Oscar Luigi Scalfaro che ai funerali dell'agente Antiochia a Palermo subì una contestazione furiosa e rischiò addirittura di essere aggredito.

Nelle prime pagine de La Sicilia si raccontano così, con una cronaca attenta, oggi consegnata alla storia, le vicende e i drammi di questi uomini. Storie e drammi di una Sicilia che alla mafia non ha voluto mai arrendersi.

 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa