WHATSAPP: 349 88 18 870

Se il biogas al Sud può valere investimenti fino a 5,6 miliardi con 8 mila green job

Se il biogas al Sud può valere investimenti fino a 5,6 miliardi con 8 mila green job

Le stime del Consorzio italiano biogas presentate a Giarre
Se il biogas al Sud può valere investimenti fino a 5,6 miliardi con 8 mila green job
L’Italia è il terzo produttore di biogas al mondo in agricoltura e il «giacimento verde» del Mezzogiorno può innescare al 2030 investimenti per 3,8 miliardi di euro nell’ipotesi più conservativa e di 5,6 miliardi di euro in quella più spinta, con ricadute economiche complessive che valgono un aumento dello 0,3% del Pil del Mezzogiorno, pari a 18,4 - 27,4 miliardi di euro a seconda dello scenario evolutivo. Lo afferma il Consorzio italiano biogas (Cib) sulla base delle stime tracciate dallo Studio Althesys presentato oggi al centro Radicepura di Giarre, in provincia di Catania, rilevando che per lo Stato ciò rappresenterebbe un aumento delle entrate fiscali di 3,3-5 miliardi e che potrebbero essere creati 8 mila nuovi green job stabili e altamente qualificati. Dal punto di vista ambientale, poi, si potrebbe avere una riduzione delle emissioni di CO2 pari a 79 milioni di tonnellate. Cib afferma che nel Mezzogiorno esiste un potenziale largamente inespresso che potrebbe essere concretizzato dal nuovo sistema incentivante previsto dal decreto ministeriale sul biometano, biocarburante avanzato che si ottiene dal biogas, reso operativo da una delibera del Gestore dei servizi energetici dello scorso 5 agosto. «Grazie all’impegno del governo - ha dichiarato Piero Gattoni, presidente del Cib -, in particolare del Mipaaf, l’Italia ha una delle normative più avanzate sul biometano e può guardare con fiducia all’obiettivo di raggiungere entro il 2022 il target del 10% di consumo di biocarburanti, di cui il 2% avanzati, quelli cioè che non sottraggono terreno all’alimentare, come ad esempio il biometano” che non è impiegabile solo nell’autotrasporto, ma potrà essere immesso anche nella rete nazionale del gas dopo che l’Europa avrà legiferato sull’atteso aggiornamento del codice di rete. L’Italia - ha proseguito Gattoni - ha la possibilità di lanciare il modello di un’agricoltura carbon negative, capace di emettere meno gas clima alteranti e di sequestrare il carbonio nel suolo combattendo la desertificazione dei terreni agricoli. Un ulteriore vantaggio derivante dalla filiera del biogas-biometano è l’intensificazione sostenibile del suolo agrario mediante le rotazioni colturali. Questo modello noi l’abbiamo chiamato Biogasdoneright, Biogas Fatto Bene. Dall’estero sono venuti già a studiarlo».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa