home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

ROMA

Draghi, giù debiti imprese italiane

Serve ancora stimolo Bce, ora Paesi facciano ordine nei conti

Draghi, giù debiti imprese italiane

ROMA, 17 NOV - "Le imprese italiane hanno visto il loro coefficiente di indebitamento (rispetto al valore aggiunto lord, ndr) di circa 30 punti percentuali da fine 2012, tornando ai livelli di metà 2007". Lo ha rilevato il presidente della Bce, Mario Draghi, soffermandosi anche su ripresa e inflazione: "Abbiamo una crescente fiducia che la ripresa sia robusta" ma "non siamo ancora al punto in cui la ripresa dell'inflazione è autosufficiente senza la nostra politica accomodante". Secondo Draghi, che parla a Francoforte, "con la ripresa in corso, è arrivato il momento giusto perché l'Eurozona affronti le future sfide alla stabilità. Questo significa fare ordine in casa per quanto riguarda i conti pubblici, per creare cuscinetti in vista del futuro, non semplicemente aspettare che la crescita gradualmente riduca il debito".

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO