home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Compro un terreno e... RESTO AL SUD

Agevolazioni a giovani tra i 18 e i 35 anni con finanziamento fino al 100 per cento delle spese sostenute

Compro un terreno e... RESTO AL SUD

Trovare il terreno che fa al caso proprio è facile, visto che il sito Ismea informa sulle caratteristiche di ciascuno, dalla posizione alle tipologie di coltivazioni e i valori catastali. Da oggi si può esprimere la manifestazione d’interesse per uno o più lotti e da febbraio partirà la procedura competitiva a evidenza pubblica tra coloro che hanno manifestato interesse.

I terreni acquistabili si trovano soprattutto nel Centrosud, con la Sicilia a fare la parte del leone (1700 ettari), seguita da Toscana e Basilicata (1300 ettari), Puglia (1200), Sardegna (660 ettari), Emilia Romagna e Lazio (quasi 500 ettari).

«Incentivare la presenza dei giovani significa sostenere la competitività del Paese», afferma Maria Letizia Gardoni, presidente dei giovani della Coldiretti, nel sottolineare che "le aziende agricole dei giovani possiedono una superficie superiore di oltre il 54% della media, un fatturato più elevato del 75% della media e il 50% di occupati per azienda in più». Alessandro Mastrocinque, vicepresidente nazionale di Cia-Agricoltori Italiani, osserva come «In un Paese segnato dalla scarsa mobilità fondiaria e in cui acquistare a prezzi di mercato è quasi impossibile, la nascita della Banca delle terre agricole, che mette a disposizione soprattutto dei giovani il patrimonio pubblico, rappresenta una importante discontinuità».

«La grande vendita di terreni pubblici della Banca nazionale delle terre agricole, avviata dal Governo e rivolta in particolare ai giovani coltivatori che avranno agevolazioni e corsie preferenziali, rappresenta una novità senza precedenti, una promessa mantenuta da parte dei governi Renzi e Gentiloni». E’ quanto scrive Michele Anzaldi, deputato del Pd e segretario della commissione di Vigilanza Rai. "La Rai servizio pubblico - continua - dovrebbe mettere più cittadini possibile, in particolare giovani, nelle condizioni di poter conoscere l’esistenza di questo bando. Il bando avviato dal ministro Martina che mette in vendita 800mila ettari rappresenta solo la prima parte di una vendita complessiva di oltre 20mila ettari, un progetto atteso da decenni e che ora finalmente viene concretizzato. Il boom di utenti e visualizzazioni fatti registrare dal sito ufficiale conferma l'interesse che c'è per questa operazione. E’ sempre più alto il numero di giovani che decidono di dedicarsi alla coltivazione della terra, che significa spesso presidiare produzioni di qualità e di carattere specifico altrimenti a rischio di scomparire». «Un’occasione di lavoro, di business, ma anche di attenzione all’ambiente e di cura per il territorio, che nasce grazie a quattro anni di lavoro dei governi di centrosinistra», conclude.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO