WHATSAPP: 349 88 18 870

Borsa: crolla Mediaset dopo passo indietro Vivendi

Borsa: crolla Mediaset dopo passo indietro Vivendi

Dietrofront di Vivendi sull'acquisto del 100% di Mediaset Premium, e il titolo del Biscione crolla in borsa. Mediaset ha fatto sapere che il gruppo francese intende ora 'acquistare solo il 20% del capitale di Mediaset Premium', invece che il 100% come stipulato, e 'non intende comunque onorare il contratto'. A Mediaset - che fa sapere di essere pronta a far valere i propri diritti - replica il gruppo di Bolloré, parlando di 'divergenze significative' di valutazione su Premium e informa di aver fatto una nuova proposta per trovare un accordo su Premium. Titolo Mediaset soffre in Borsa. Dopo una mattinata debole per le Borse europee, Piazza Affari gira in rialzo, in scia a Wall Street. Il Ftse Mib sale dello 0,23% a 16.730 punti. A guidare il listino è Cnh (+7,5%) seguita da Saipem (+3,3%). Riduce drasticamente il calo Unicredit (-1,6%) mentre resta debole Mediaset (-6,8%). Debutto sprint per Enav in Piazza Affari, il quarto da inizio anno dopo Iol, Technogym e Coima Res. Positiva fin dai primi minuti la reazione della Borsa, con un rialzo del 9,33% a 3,6 euro, contro i 3,3 euro del collocamento. L'Ente Nazionale di Assistenza al Volo ha piazzato azioni per 759 milioni di euro, con un flottante del 42,5% al momento dell'ammissione ed una capitalizzazione di 1,78 miliardi di euro. Secondo l'amministratore delegato di Borsa Italiana Raffaele Jerusalmi si tratta di un grande successo, con una domanda che ha superato di 8 volte l'offerta". "Questa quotazione - aggiunge - tra le principali di quest'anno in Europa, conferma la capacità di Borsa Italiana di tenere alto l'interesse dei maggiori investitori internazionali, con gli oltre 8mila fondi e le 1.460 case di investimento da tutti i continenti investiti nei principali titoli italiani". IL CASO MEDIASET-VIVENDI - Fininvest denuncia "l'eccezionale gravità e l'assoluta scorrettezza del comportamento di Vivendi" sulla vicenda Mediaset Premium. Lo afferma in un comunicato la società cui fa capo il 34,738% di Mediaset. "L'atteggiamento di Vivendi - prosegue Fininvest - lascia chiaramente intuire che il suo vero, non dichiarato obiettivo fosse in realtà quello di costituirsi in modo surrettizio e inaccettabile una posizione di estremo rilievo nell'azionariato di Mediaset"."Non c'è nessuna negoziazione in corso tra Mediaset e Vivendi". Lo si legge in una nuova nota di Mediaset in cui il Gruppo precisa che "la negoziazione è già avvenuta e si è conclusa con il contratto regolarmente firmato tra le parti l'8 aprile 2016". Mediaset aggiunge che "l?analisi dei risultati di Premium è ovviamente avvenuta prima della firma, come accade prima di ogni assunzione di impegni". Infine Mediaset conferma "di non aver mai ricevuto alcuna contestazione formale sulla validità o i contenuti del contratto". "Non penso che non si troveranno soluzioni". E' la visione ottimista dell'ad di Vivendi, Arnaud de Puyfontaine, sulle discussioni aperte con Mediaset in merito all'accordo di integrazione. "E' un contratto 'binding' fatto di diversi punti - ha ricordato - e stiamo discutendo da due settimane con il board". "Sulla base degli elementi emersi dalla discussione abbiamo proposto un'evoluzione dell'accordo che ne tenga conto: ci piace Mediaset, ha una grande storia, niente è cambiato ma non c'è un accordo completo", ha precisato il manager. Non ha risposto a chi gli chiedeva se in caso di fallimento delle discussioni un'alternativa potrebbe essere acquistare azioni Mediaset sul mercato. De Puyfontaine ha ricordato che tra i nodi c'è la sfida sul mercato pubblicitario, su quelle delle pay tv e l'importanza di combinare la pay e la free tv.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP