WHATSAPP: 349 88 18 870

Sommerso e illegale salgono a 206 mld, spinta dalla crisi

Sommerso e illegale salgono a 206 mld, spinta dalla crisi

L'economia sommersa sommata alle attività illegali vale 206,4 miliardi. Lo certifica l'Istat, che al tema ha dedicato un seminario, aggiornando i dati sul 2013, diffusi per la prima volta a dicembre scorso. Il peso dell'economia non osservata risulta pari al 12,9% del Pil, una percentuale in crescita (12,7% nel 2012 e 12,4% nel 2011). "C'è stata una tendenza all'aumento nel triennio considerato e ricordiamoci che il 2012 e il 2013 sono stati anni di forte crisi, che può avere pesato", spiega il direttore centrale della contabilità nazionale Istat, Gian Paolo Oneto. "L'Istituto - ha spiegato il presidente dell'Istat Giorgio Alleva al seminario - sta procedendo ad esplorare la fattibilità di un conto satellite dell'economia illegale". L'obiettivo sta, spiega Alleva, nel raggiungere "una migliore conoscenza del fenomeno", anche per mettere a punto "politiche di contrasto". Il conto sarebbe una novità assoluta, perché, chiarisce il direttore centrale della contabilità nazionale Gian Paolo Oneto, "oggi non esiste in letteratura né in altri paesi, se non a livello molto sperimentale. Dobbiamo però capire se si può fare". Lo scopo sarebbe quello, continua, di "cercare di capire meglio come funziona l'economia illegale, la produzione, come si trasferisce sul consumo, la relazione tra le imprese, se ci sono investimenti". Si tratta, sottolinea Oneto, "di una scommessa, di un'impresa complicata, per ora si sta ragionando sulla possibilità di arrivare a uno schema".

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa