home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Il premier Gentiloni in Cina “cancella” la Sicilia dalla nuova Via della Seta

Il premier non ha proposto il porto di Augusta (ma Genova o Venezia) ai cinesi che intendono aprire un canale marittimo più efficiente con l'Europa

Gentiloni in Cina “cancella” la Sicilia dalla Via della Seta

Pechino rilancia la “via della seta” con una infornata di 800 miliardi di dollari per collegare il colosso cinese all’Africa e all’Europa. Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni è l’unico leader del G7 presente e ha avuto un incontro bilaterale con Xi Jinping. Ha fatto bene a compiere questo viaggio e ad incontrarsi con l’unico leader di statura mondiale sulla scena.
Cosa ha chiesto Gentiloni al presidente cinese? Ha detto che siccome sono molti di più i container cinesi che viaggiano per nave rispetto a quelli che vanno con la ferrovia, i porti italiani sono un approdo naturale e sono ovviamente disponibili, anche se i cinesi hanno già comprato quello del Pireo dalla dissanguata Grecia. E cosa ha proposto Gentiloni come porti italiani, dato che il Pireo non può bastare per tutto? Non Augusta, previsto come “core” dall’Unione europea e sulla rotta più breve dal Canale di Suez da dove escono le navi portacontainer in arrivo dall’Asia, ma Genova e Venezia, a migliaia di chilometri di distanza.

 

Questa è una riprova del fatto che il governo ribaltando la geografia continua a ignorare le possibilità di rilancio della Sicilia. Il solo porto da proporre è quello di Augusta, con fondali di 27 metri, che sarebbe in tempo per agganciare una rivoluzione dei trasporti che non avverrà dall’oggi al domani, senza considerare che nel giro di qualche decennio l’Africa passerà da un miliardo e mezzo di abitanti a quattro miliardi e che la Sicilia resta frontaliera sempre e comunque.

 

Gentiloni è andato a fare gli interessi dei due porti dell’Italia del Nord dimenticando, come hanno fatto tutti i suoi predecessori, che al centro del Mediterraneo c’è la Sicilia. Abbiamo ancora qualcuno che lo vada a dire a Gentiloni e anche a Delrio, o dobbiamo assistere ancora a questa continua discriminazione condita di promesse effimere? La Sicilia quanto pesa sul tavolo di Palazzo Chigi? Zero? 

 

Intanto ci proverà il presidente della Regione Rosario Crocetta a ricordare a Gentiloni la posizione strategica della Sicilia nel Mediterraneo: il governatore scriverà una lettera ufficiale al premier affinché il porto "core" europeo di Augusta venga incluso nella lista di quelli che interessano la Cina per la Via della Seta marittima. «Augusta - afferma il governatore in una dichiarazione a La Sicilia - è un porto "frontaliero" al Canale di Suez, ignorarlo sarebbe un grave errore». 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 9
  • massiveattack77

    17 Maggio 2017 - 06:06

    In Sicilia devi fare lo statale.Ecco tutto....

    Rispondi

    • Cinziola

      18 Maggio 2017 - 09:09

      E difatti in Sicilia è tutto come dice lei,carissima Giannola e lo sa xché?xché in Italia la maggior parte dei politici la pensa come lei.Si vergogni semplicemente!

      Rispondi

  • Giannola

    17 Maggio 2017 - 08:08

    E perchè dovrebbe tener conto della sicilia ? Con infrastrutture stradali e ferroviarie prossime allo zero, con una realtà aziendale inconsistente, staccata dall'italia (quindi rendendo necessario il macchinoso traghettamento dello stretto) non è affatto un approdo appetibile. Inoltre da Salerno in giù percorrere le autostrade per arrivare al nord diventa un'impresa. Non vedo quindi di che stupirsi, la Sicilia è improponibile al momento attuale.

    Rispondi

    • *Tury

      17 Maggio 2017 - 19:07

      Proprio per incentivare "finalmente" a fare infrastrutture al sud..... semplice

      Rispondi

Mostra più commenti

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa