home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Segnalazione Crif: come verificarla? Si può cancellare?

Esseri iscritti al Crif può rendere impossibile ottenere qualsiasi forma di finanziamento. Ecco come controllare i propri dati

Segnalazione Crif: come verificarla? Si può cancellare?

Il Crif, o Centrale Rischi Finanziari, è un sistema di informazione creditizia, ossia una banca dati privata in cui vengono raccolte e conservate tutte le informazioni sul rimborso dei prestiti e dei finanziamenti, ed in generale tutte le situazioni di esposizione debitoria verso un istituto di credito. Sono le banche stesse a fornire volontariamente queste informazioni, contribuendo quindi alla creazione del database.

Quando poi un istituto di credito riceve una richiesta di finanziamento, una delle procedure per verificare l’affidabilità del richiedente è proprio la consultazione di queste banche dati. Una segnalazione al Crif come cattivo pagatore rappresenta nella maggior parte dei casi una pietra tombale sulla possibilità di ottenere credito: le banche infatti tenderanno a rifiutare le richieste di una persona con una storia creditizia negativa. Le soluzioni di finanziamento per cattivi pagatori sono in realtà pochissime, e limitate perlopiù alla formula della cessione del quinto (sempre che si riesca ad ottenerla).

 

Segnalazione Crif: quando avviene e quanto dura?

Il mancato o ritardato pagamento di due rate consecutive di un finanziamento comporta la segnalazione al Crif. In caso di ritardo, quindici giorni prima di inviare la comunicazione alla Centrale Rischi la banca recapita al cliente un avviso dove si invita a saldare la rata entro le successive due settimane in modo da evitare la segnalazione. In caso di ulteriori ritardi si verrà segnalati al Crif come cattivi pagatori; da quel momento in avanti l’istituto di credito non avrà più l’obbligo di avvisare il cliente in caso di ulteriori ritardi.

Tutte le banche potranno accedere al database Crif e venire a conoscenza della segnalazione, il che, come detto, renderà quasi impossibile riuscire ad ottenere un nuovo finanziamento, almeno fintanto che permane lo stato di cattivo pagatore. In nessun caso è possibile ottenere la cancellazione anticipata della propria segnalazione, che avverrà automaticamente secondo queste tempistiche:

per un ritardo relativo a 2 rate, dopo 12 mesi dall’avvenuta regolarizzazione – se nel frattempo non si verificano altri ritardi;

per un ritardo relativo a più di 2 rate, dopo 24 mesi dall’avvenuta regolarizzazione – sempre che da quel momento in avanti i pagamenti restino regolari;

per mancato pagamento di due o più rate (mai sanate), dopo 36 mesi dalla scadenza del finanziamento, o dall’ultimo aggiornamento fornito dalla banca.


Come verificare i dati presenti nel registro del Crif?

Per conoscere i dati sulla propria posizione in possesso del Crif è necessario inviare una richiesta di accesso, compilando con le proprie informazioni personali l’apposito modulo di richiesta. Una volta stampato e firmato, il modulo può essere inviato alla Centrale Rischi in vari modi:

direttamente dal modulo di richiesta, cliccando sul tasto “Controlla la tua richiesta”;

tramite e-mail, all’indirizzo info.consumatori@crif.com;

via fax allo 051 645 8940;

tramite posta, al recapito CRIF S.p.A. Ufficio Relazioni con il pubblico via Zanardi 41 - 40131 Bologna.

Il Crif provvederà poi ad inviare la risposta entro 15 giorni, all’indirizzo o alla mail indicate nel modulo. Nel caso vengano trovate informazioni, il costo della verifica – da pagare tramite bollettino postale – è di 4€, altrimenti, se non era presente alcun dato, 10€.

Mettinconto, il nuovo sistema per la verifica Crif

Mettinconto è il nuovo servizio messo a disposizione dal Crif che velocizza l’accesso ai propri dati personali. Al costo di 35 euro per ogni verifica, Mettinconto fornisce entro 48 ore un report dettagliato sulla propria storia creditizia, consultabile direttamente online.

Non solo: il servizio elabora anche un’analisi sull’affidabilità creditizia del richiedente, consentendo così di sapere in anticipo come le banche valuteranno la propria richiesta di finanziamento. Mettinconto fornisce anche un calcolatore per trovare il giusto equilibrio finanziario per il proprio bilancio domestico, e assistenza specializzata per la risoluzione di qualsiasi dubbio in merito alla propria storia creditizia.

Si tratta, insomma, di uno strumento utile per tutti coloro che hanno intenzione di richiedere un finanziamento, e vogliono prima accertarsi di essere nella situazione ideale per farlo.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO