home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

«Dovete morire tutti» ai poliziotti, bufera sulla prof originaria di Piazza Armerina

I suoi insulti durante un corteo di antagonisti sono diventati virale sul web. E' stata sospesa dalla sua scuola. Renzi ne ha chiesto il licenziamento

«Dovete morire tutti» ai poliziotti, bufera sulla prof originaria di Piazza Armerina

Lavinia Flavia Cassaro

Torino - E' originaria di Piazza Armerina, Lavinia Flavia Cassaro, la maestra che a Torino ha insultato pesantemente le forze dell’ordine («Dovete morire») che fronteggiavano il corteo degli antagonisti intenzionato a bloccare un’iniziativa di Casapound. 

La donna, in prima fila al corteo, è stata filmata mentre urla improperi tra i quali «Vigliacchi, mi fate schifo, dovete morire», «Senza manganelli, quando volete, fascisti».

IL VIDEO CHOC

Lavinia Flavia Cassaro, 37 anni, precaria con contratto triennale in un istituto comprensivo di Torino. Per lei ora si ipotizzano diversi reati dal vilipendio all' oltraggio. L'insegnante, residente da tempo a Torino, frequenta gli ambienti antagonisti della città e i movimenti No Tav. Il suo comportamento è stato stigmatizzato anche dal segretario del Pd Matteo Renzi che nel corso della trasmissione Matrix ne ha anche chiesto il licenziamento.

Il Cocer ha intanto diffuso la lettera aperta che la figlia di un carabiniere ha scritto proprio a Lavinia Flavia Cassaro: «Tu che gli urli dovete morire vedi, ogni volta che si allaccia gli anfibi e si chiude il cinturone, ho davvero paura che qualcuno lo faccia morire. Forse tu non sai cosa vuol dire».

«Non auguro davvero la morte a nessuno ma ero arrabbiatissima. Ho detto quello che pensavo ma è stato travisato». Così Lavina Cassaro, ha commentato nelle ultime ore i fatti che la vedono protagonista e al centro di polemiche e provvedimenti. «Mi sento stupida - dice - ho dato adito a  costruire un castello mediatico. Se fossi riuscita a mantenere  la lucidità avrei espresso meglio i miei pensieri. Mi sento in  colpa? Nei confronti dei miei compagni».  «Non avrei dovuto cadere in questi tranelli e farmi travolgere dalla passione e dalla rabbia - continua l’insegnante torinese - ma la nostra Costituzione dichiara che il fascismo è un reato e CasaPound è esplicitamente un partito fascista. Io mi sento profondamente antifascista. Non dico che cosa voto - conclude - di certo l’unica vera forza politica di sinistra è Potere al Popolo». 

L'insegnante è stata sospesa. «Non è a scuola - hanno spiegato dalla scuola - e non lo sarà nemmeno nei prossimi giorni».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 7
  • gbchia

    28 Febbraio 2018 - 17:05

    Questa tizia ci fa vergognare di essere siciliani. E noi da facenti parte dello Stato in quanto cittadini, le paghiamo pure lo stipendio con le nostre tasse... E qualcuno, probabilmente, la giustifica pure.

    Rispondi

  • ASTOLFO

    01 Marzo 2018 - 10:10

    Si fa presto a dire "razzismo", ma chi potrebbe classificare questo essere ripugnante senza dover ricorrere a categorie zoologiche subumane?

    Rispondi

Mostra più commenti

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO