WHATSAPP: 349 88 18 870

Enna: disabile denuncia tre vigili urbani per abuso di potere

Accuse in Procura da un ex dirigente scolastico

immagine simbolica

Giovanni Delle Cave, ex dirigente amministrativo di una scuola superiore, invalido civile totale, ha presentato un esposto alla Procura nei confronti di tre vigili urbani. Sabato 20 agosto l’uomo si era fermato con l’auto in corso Sicilia, all’altezza dell’area servizio Grillo, di fronte a un negozio all’ingrosso di frutta e verdura per fare degli acquisti: «Al momento della sosta - racconta Delle Cave - tre vigili urbani stavano facendo contravvenzioni alle macchine ferme vicino al negozio. Nelle vicinanze non ci sono parcheggi per disabili, per cui ho fermato la macchina in zona riservata a bus e sono sceso per chiedere informazioni al negozio. Alla risposta negativa dell’impiegato sono tornato alla macchina trovando un vigile con il blocchetto delle contravvenzioni in mano».

Delle Cave ha fatto presente che la sua sosta è stata di qualche minuto, ma il vigile ha risposto che ormai aveva scritto la contravvenzione. L’automobilista riparte ma poi ci ripensa e torna indietro e chiede di potere fare una dichiarazione personale al verbale che aveva scritto, e nel frattempo si avvicina un altro vigile. A quest’ultimo ha detto che mostrano poca sensibilità per i problemi dei disabili e ha mostrato il contrassegno specifico rilasciato dal Comune di Calascibetta e posto bene in vista nel parabrezza.

«Dopo un minuto - prosegue Delle Cave - il primo vigile mi chiede patente e libretto di circolazione e certificato assicurativo. Consegnati i documenti, non ho trovato il certificato assicurativo pur essendo consapevole di avere rinnovato la polizza tempestivamente ed essendo sicuro che il veicolo fosse regolarmente coperto dall’assicurazione. Uno dei vigili telefonava per chiedere un controllo assicurativo tramite i loro sistemi informatici e dopo un po’ di tempo lo stesso comunicava, inspiegabilmente, che la macchina era senza copertura assicurativa».

Nel frattempo Delle Cave chiedevo alla figlia di guardare il computer e stampare la ricevuta di pagamento del certificato assicurativo che avere rinnovato l’11 luglio anche se scadeva il 19. Ma i vigili hanno disposto il sequestro dell’auto che è stata trasportata al comando di polizia a Enna Bassa. Qui i vigili hanno mostrato che dai loro sistemi informatici non risultava la copertura assicurativa. Nel frattempo è arrivata la figlia di Delle Cave, Ambra, in possesso della polizza assicurativa. Ma dopo la discussione l’uomo è svenuto e si è trovato al pronto soccorso dell”Umberto I” per un sospetto infarto. Da qui l’esposto in Procura perché secondo Delle Cave c’è stato un abuso di potere e uso arbitrario della forza coercitiva.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa