home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Enna, tre milioni che possono salvare il Libero consorzio comunale

Lantieri: «In arrivo dalla Regione anche 350mila euro per i contrattisti»

Enna, tre milioni che possono salvare il Libero consorzio comunale

ENNA - Sotto l'albero di Natale il Libero Consorzio comunale di Enna trova i fondi che salvano l'ente dal dissesto. Non un regalo, ma l’impegno che avevano annunciato l'assessore regionale agli Enti locali, Luisa Lantieri, e il deputato regionale Mario Alloro. All'ex Provincia di Enna, così come anticipato nelle settimane scorse, la Regione ha assegnato dalla ripartizione dei fondi 3 milioni 150 mila euro. «Mi sento di esprimere la mia personale soddisfazione perché so quanto ho dovuto lavorare per ottenere questi finanziamenti» dice Lantieri sottolineando che «Enna in questa ripartizione se ne esce bene perché in proporzione ha ottenuto una cospicua somma». Questo perché oltre ai 3 milioni 150 mila euro, in provincia di Enna arrivano anche i 350 mila euro per i contrattisti provinciali che hanno così l'opportunità di completare l'anno.

A tirare un sospiro di sollievo sono i dirigenti del Libero Consozio ma anche i dipendenti e la stessa Lantieri che rileva: «Con questi fondi messi a disposizione dalla Regione abbiamo scongiurato il rischio del dissesto finanzio dell'ente».

In effetti questo timore per mesi è stato molto più che una possibilità dentro le stanze del Palazzo di piazza Garibaldi perchè nonostante i diversi tagli e la spesa rivista, i dirigenti dell'ex Provincia hanno lo stesso temuto di non poter chiudere il bilancio: «Proprio per questo motivo abbiamo aumentato gli sforzi ed oggi non posso che essere soddisfatta per essere stata determinante nel riparto di queste somme». Un dissesto dell'ente avrebbe avuto effetti drammatici per i lavoratori ma anche per i servizi ai cittadini che già soffrono il distacco con l'ex Provincia. La loro soppressione ha provocato, oltre ai commissariamenti, una spaccatura tra istituzione e cittadini mentre i servizi sono man mano calati fino a bloccarne alcuni.

Non sono stati mesi facili sia per la politica regionale, che ha dovuto rispondere alle tante sollecitazioni, che soprattutto per i dipendenti provinciali contrattualizzati e precari (questi ultimi sono 99) e ne sono testimonianza le parole dell'assessore Lantieri: «Il 2016 è stato un anno drammatico che per fortuna si sta chiudendo, ma dobbiamo adesso pensare al futuro ed in tal senso posso già dire che, ad esempio, i precari avranno una proroga e saranno messi in salvo» dice Lantieri che parla anche di un «15% del personale che sarà messo in mobilità verso altri enti». Proprio in questi ultimi giorni il presidente della Regione ha espresso il timore che eventuali elezioni anticipate possano creare difficoltà al bilancio della Regione ma Lantieri dice: «Adesso inizia la seconda fase che è quella di mettere delle somme nella finanziaria sempre per le ex Province e per i precari».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa