home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Randagismo, Comune prende provvedimenti e aumenta le catture

Nuove disposizioni per combattere il dilagante fenomeno

Randagismo, Comune prende provvedimenti e aumenta le catture

Enna - Nuove disposizioni in arrivo per far fronte al fenomeno del randagismo. Lo hanno annunciato il sindaco Maurizio Dipietro, l'assessore Gianpiero Cortese e il comandante della Polizia municipale Stefano Blasco i quali forniscono anche i dati sulla cattura dei randagi e annunciano la reimmissione sul territorio dei cani sterilizzati per frenare il dilagare di nuove presenze.

Da maggio dello scorso anno a gennaio 2017 le catture operate dalla ditta incaricata sono state 84 (maggio 12, giugno 2, luglio 12, agosto 20, settembre 14, ottobre 5, novembre 6, dicembre 9, gennaio 4) e a queste vanno aggiunti i 47 cani prelevati dall'associazione Oipa ed i 30 di Alphadog. Ancor più interessanti i numeri relativi alle adozioni perché la prima associazione ha favorito l'adozione di 31 cani e la seconda è riuscita a farli adottare tutti e trenta. Ventisei, invece, i cani fatti adottare dal Comune tramite gli sgravi fiscali sulla bolletta dei rifiuti, una iniziativa, conferma Cortese, che continuerà ad essere incentivata. Attualmente al canile nisseno Mimiani le presenze sono 310 ma ancora per poco perchè su proposta del comando di polizia municipale si procederà alla reimmissione nel territorio dei cani sterilizzati e docili. Questo, hanno spiegato Cortese e Blasco, «riguarderà i cani che hanno i giusti requisiti. Vedremo quanti sono e li reimmetteremo nel territorio sempre dietro la cura delle associazioni. Pensare a un territorio senza nessun cane – ammettono Cortese e Blasco – non è possibile, però meglio avere un branco sterilizzato, e quindi innocuo, e che controlla il territorio, che lasciarlo sguarnito e aprire le porte ai cani pericolosi. Numeri alla mano possiamo dire che un'inversione di tendenza c'è stata».

Reinserire i cani nel territorio non risolverà definitivamente il problema e al Comune ne sono coscienti ecco perchè ritengono necessario un continuo monitoraggio ma pure che le associazioni continuino a promuovere le adozioni. La reimmissione dei cani in città permetterà anche un notevole risparmio per le casse del Comune che, tramite l'Ufficio randagismo, continuerà i controlli sui cani padronali (perchè se non custoditi creano problemi motivo per il quale potrebbero fioccare le multe) mentre si sta valutando se fare un'ordinanza di cattura straordinaria oltre alla sensibilizzazione di chi possiede dei terreni incustoditi dove i cani trovano accoglienza rendendone difficile l'individuazione ai fini del prelievo.

Si cercherà infine di intensificare le sterilizzazioni, che al momento procedono a rilento, perché una media di dieci interventi al mese sono davvero pochi.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO