home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

«Fiduciosi nei fondi Por per continuare le opere»

Villa romana, la dirigente replica alle accuse di «immobilismo» sui restauri

«Fiduciosi nei fondi Por per continuare le opere»

Gli interventi per combattere l’umidità di risalita che minaccia l’integrità dei pavimenti mosaicati, il completamento dei lavori per le nuove coperture, il collegamento stradale tra il nuovo parcheggio e l’ingresso del sito Unesco, l’abbattimento delle barriere architettoniche, sono questi i punti cardine del lungo documento con cui il dirigente dell’unità operativa del coordinamento della Villa romana del Casale, l’arch. Carla Mancuso, ha risposto ai quesiti posti dal presidente dell’associazione turistica “Mira 1163” Francesco Galati.

Proprio “Mira 1163” tramite Galati alcune settimane fa ha lanciato il grido di allarme circa le condizioni di inagibilità in cui versa attualmente la sala del Triclinium della Villa del Casale la cui vista è interdetta ai turisti. Nel Triclinium sussistono ancora le vecchie coperture in plexiglass e i pavimenti mosaicati sono in uno stato di sofferenza a causa dell’umidità di risalita. A tal proposito la dirigente Mancuso nel suo documento rileva che il sito Unesco si trova in un’area con un impluvio naturale di acque che creano infiltrazioni e umidità di risalita capillare nei pavimenti mosaicati. Un intervento complessivo sui mosaici fu effettuato durante i lavori di restauro sotto la guida di Mauro Matteini dell’Opificio delle pietre dure di Firenze, ma tuttavia la carenza di fondi e soprattutto la mancata assegnazione delle somme del 30% dei proventi dei biglietti della Villa negli ultimi anni, non hanno permesso di assicurare nel tempo le necessarie operazioni specialistiche. E’ già stato approntato un piano di manutenzione delle pareti decorate e dei mosaici, e la realizzazione di sistemi antivolatili contro l’invasione di piccioni, ma potrà essere attuato solo quando arriveranno i fondi. Mentre invece gli interventi per i mosaici del Triclinium dovrebbero essere imminentigrazie ad una proposta di sponsorizzazione di un importante sponsor, il cui iter è in corso di definizione.

Nel documento la dirigente anticipa: «Il progetto di completamento della Villa del Casale, che siamo fiduciosi possa finanziarsi con i fondi Por 2014/2020, comprenderà il Frigidarium, la Palestra e il Triclinio, oltre che ulteriori varie opere mirate soprattutto al miglioramento del deflusso delle acque intorno alla Villa. Verrà definito nei prossimi mesi anche con apporti multidisciplinari e consulenze specialistiche».

Approvata anche la rimodulazione del progetto di mobilità con un percorso per gli audiolesi e per il superamento delle barriere architettoniche tutti coloro che hanno problemi motori e sensoriali. Infine nel documento si parla dell’ammissione a finanziamento nel dicembre 2016 della strada di collegamento fra il parcheggio ed il nuovo ingresso della Villa per un importo di 840.180 euro.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO