home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Con il Favara Cultural Farm, la Sicilia protagonista al Festival RiCrea di Ferrara

Il museo a cielo aperto in provincia di Agrigento ha riqualificato attraverso l’arte contemporanea il centro storico di Favara

Con il Favara Cultural Farm, la Sicilia protagonista al Festival RiCrea di Ferrara

Favara (Agrigento) - Favara Cultural Farm, lo straordinario museo a cielo aperto in provincia di Agrigento, il primo costruito in Sicilia, sarà tra i protagonisti di RiCrea, il primo festival italiano dedicato alla rigenerazione urbana e organizzato a Ferrara, dentro la Factory Grisù, dal 20 al 22 ottobre. L’esperimento siciliano è un eccezionale esempio di riutilizzo creativo dello spazio, a livello nazionale e internazionale. Attivo dal 2010, ha riqualificato attraverso l’arte contemporanea il centro storico di Favara: le strette vie del paese, prima spopolate, oggi sono frequentate mediamente da 120mila visitatori all’anno, e il processo ha sviluppato un indotto da centinaia di migliaia di euro.

Andrea Bartoli, il suo ideatore, è stato invitato nel capoluogo estense per raccontare al pubblico di RiCrea la sua esperienza: «Può sembrare semplicemente una bella favola, ovviamente non è così. Il percorso che ha portato alla creazione di questo luogo è stato ed è tutt’altro che semplice. Per questo sono felice di poter condividere e spiegare come è stato avviato e sviluppato il parco culturale. Mi auguro che il festival ferrarese, quest’anno alla prima edizione, contribuisca a diffondere tra i cittadini e tra gli addetti ai lavori rispettivamente sensibilità e capacità progettuali, perché l’Italia è ricca di spazi bellissimi che non possono e non devono essere abbandonati». L’incontro, curato dall’Urban Center del capoluogo estense e intitolato “Attivare il riuso”, si terrà sabato 21 ottobre a Wunderkammer. Lo stesso giorno dalla Sicilia interverrà anche Maurizio Carta, ordinario di Urbanistica nonché Presidente della Scuola Politecnica dell’Università di Palermo, sia per presentare la concezione di Augmented City, sia per contribuire ad attivare il riuso delle città, «perché l’innovazione dipende molto dal coinvolgimento delle comunità e produce benessere diffuso».

Ricordiamo che “Favara Cultural Farm” è stata fondata il 25 giugno 2010 dal notaio Andrea Bartoli e dalla moglie Florinda Saieva, sorge all'interno del Cortile Bentivegna, un aggregato a sua volta costituito da sette piccoli cortili che ospitano piccoli palazzi di matrice araba ed è situato nei pressi del centro storico di Favara. Oltreché come museo si propone anche come centro culturale e turistico dove vengono allestite mostre pittoriche temporanee e installazioni permanenti di arte contemporanea. Inoltre vi sono residenze per artisti e vengono svolte presentazioni di libri e vari corsi di architettura.. Lo scopo principale di questo progetto è quello di recuperare tutto il centro storico di Favara e trasformare il paese nella seconda attrazione turistica della provincia di Agrigento dopo la Valle dei Templi.

Il calendario completo di RiCrea – ideato e coordinato dell’Università di Ferrara, Dipartimento Economia e Management e Dipartimento di Architettura – si trova su www.ricrea.city.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO