home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Salvini in Sicilia si fa prendere per la gola: al cannolo non sa dire di no

Il segretario nazionale della Lega in questi giorni nell'isola per la campagna elettorale a sostegno di Nello Musumeci, si lascia tentare, come accaduto altre volte, dalle prelibatezze della pasticceria locale

Salvini in Sicilia si fa prendere per la gola: al cannolo non sa dire di no

Catania - Di questo meridione fino a qualche tempo non gli piacevano un po' di cose, convinto assertore della linea secessionista portata avanti in Lega dal suo predecessore. Adesso sul Sud, Matteo Salvini, un po' come nella pellicola "Benvenuti al Sud", sta cominciando forse a cambiare idea. Anche perchè, più del sole, del mare e del patrimonio artistico, c'è un'attrattiva molto forte per lui in questa terra di Trinacria: il cannolo. Il buon Matteo, la cui stazza e le cui foto postate sui suoi profili social non tradiscono l'amore per la buona cucina, sembra proprio fare fatica a resistergli. Non c'è comizio o incontro politico in quel di Sicilia che non si concluda con un cannolo in mano. Rigorosamente di ricotta e con decorazioni di frutta candita, il segretario della Lega, in questi giorni nell'isola per la campagna elettorale che lo vede a fianco del Cavaliere e del candidato del centrodestra Musumeci, non rinuncia alla prelibatezza, tra gli emblemi della pasticceria isolana, neanche alla fine di un comizio a Vittoria. Dopo aver enunciato i mali della Sicilia, nell'ordine i ritardi e le inefficienze del trasporto ferroviario, gli sbarchi continui, la mancanza di lavoro e quant'altro, per lui, dopo, ad attenderlo in un retro-comizio, un bel vassoio di cannoli.

FOTOGALLERY

Quasi una ricompensa per un leghista convinto che pare volersi "convertire"ad una "sicilianitudine" che contempla anche aspetti più piacevoli di quelli sopra elencati. E poco importa se i cannoli, in tema di politica siciliana, riportano inevitabilmente ad un'immagine di "cuffariana" memoria, a quell'imponente vassoio che nel 2008 l'allora governatore di Raffadali Totò Cuffarò sollevò (per i suoi detrattori in segno di compiacimento), da un tavolo della sala dove poco dopo avrebbe tenuto una conferenza stampa sulla sentenza di primo grado che lo condannava a cinque anni di reclusione e all'interdizione dei pubblici uffici per rivelazione di segreto d'ufficio e favoreggiamento semplice (e non a Cosa Nostra, da qui il sollievo dell'ex presidente). Cuffaro, negli anni successivi, ha sempre smentito che con quella guantiera di dolci avesse inteso festeggiare il verdetto, spiegando che il vassoio era stato offerto da un simpatizzante e che lui si era limitato semplicemente a spostarlo in vista dell'incontro con la stampa. 

Matteo, della storia che fu non si preoccupa. Il cannolo, a cui anche lo youtuber comico Davidekyo ha recentemente inspirato un ballo con cui ha conquistato la giuria della trasmissione di Canale5 "Tu si que vales", lui continua a gustarlo. Nelle scorse settimane all'aeroporto di Catania poco prima dell'imbarco per un volo per Roma, è stato avvistato all'nterno di una rinomata azienda dolciaria con negozio a Fontanarossa. Indovinate cosa ha comprato....

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO