WHATSAPP: 349 88 18 870

Motociclista muore lungo tornanti dell'Etna. Il fratello minore resta ferito

Pietro Barbagallo 30 anni era a bordo della sua Honda Hornet 900 insieme al fratello 14enne. Scendevano dal Rifugio Sapienza quando in una curva sono finiti contro un muretto

Motociclista muore lungo tornanti dell'Etna. Il fratello minore resta ferito

Avevano appena lasciato il rifugio Sapienza. Tornavano a valle, percorrendo i tornanti della provinciale 92 quando, per cause in corso d’accertamento, imprevedibile, è arrivato l’incidente.

Un attimo e niente è più lo stesso. Si è spenta così la vita di Pietro Barbagallo, 30 anni, di Catania. I suoi sogni, le speranze, il suo tran-tran quotidiano spazzati via, rimasti, per sempre, lungo la strada, al Km 12 di uno degli snodi viari più pericolosi del catanese. Cosa è accaduto nel pomeriggio di sabato non è ancora chiaro. L’indagine è affidata ai vigili urbani del Comune di Belpasso, intervenuti sul posto.

Per ricostruire gli attimi che hanno preceduto il dramma si parte dagli elementi certi. Pietro Barbagallo sabato pomeriggio era con il fratello di 14 anni al Rifugio Sapienza. Intorno alle 17 la decisione di andare via. Insieme sono saliti sulla moto del 30enne, una Honda Hornet 900; entrambi hanno indossato regolarmente il casco. Poi l’impatto, violento, in una delle tante curve della provinciale, contro il muretto in pietra lavica che delimita la sede stradale. Un incidente, dunque, che al momento pare autonomo. Per il più grande dei fratelli Barbagallo, non c'è stato nulla da fare, mentre il fratello minore è stato trasferito con l'elisoccorso al Cannizzaro dove si trova ricoverato in prognosi riservata.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP