WHATSAPP: 349 88 18 870

Corte dei Conti, condannati vertici consorzio "Tre Sorgenti" di Canicattì

L' ex presidente e due funzionari dirigenti devono rispondere di danno erariale determinato dall’attribuzione di incarichi e consulenze illegittime. Ognuno di loro dovrà versare poco meno di 77 mila euro

Corte dei Conti, condannati vertici consorzio "Tre Sorgenti" di Canicattì

Sede consorzio Tre Sorgenti Canicattì

CANICATTI' (AGRIGENTO) - L’ex presidente e due funzionari dirigenti del consorzio acquedottistico «Tre Sorgenti» di Canicattì (Ag) sono stati condannati dalla Corte dei conti per danno erariale determinato dall’attribuzione di incarichi e consulenze illegittime.

Il risarcimento maggiore è stato inflitto all’avvocato Calogero Mattina, ex presidente del consorzio, che dovrà pagare al Tre Sorgenti poco meno di 154 mila euro. Condanna anche per Fabrizio Lo Porto e Gaspare Alletto ex responsabili dell’area amministrativa e di quella economico-finanziaria.


Ognuno di loro dovrà versare nelle casse del Tre Sorgenti poco meno di 77 mila euro oltre agli interessi e alla rivalutazione monetaria. Prosciolto invece Calogero Greco ex responsabile dell’area amministrativa. La vicenda nasce da una serie di esposti ed accessi compiuti dalla Guardia di finanza e dalla Regione Siciliana in merito a consulenze e incarichi legali affidati da Mattina all’avvocato Gigi Restivo Pantalone, ex sindaco di Racalmuto. Incarichi fotocopia, senza preventiva ricognizione delle figure professionali interne e soprattutto -sempre secondo i magistrati contabili- senza alcuna utilità per il consorzio Tre Sorgenti. 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa