WHATSAPP: 349 88 18 870

«Il congresso siciliano una farsa»
E' guerra in casa dell'Udc

La segreteria nazionale disconosce l'assisse di Palermo, ma il presidente nazionale Giampiero D'Alia si dissocia dalla nota del partito

«Il congresso siciliano una farsa»E' guerra in casa dell'Udc

PALERMO - L'Udc siciliano si riunisce a congresso e rieletto il suo segretario per da Roma arriva una nota del partito che definisce una "una farsa" l'assise di Palermo che ha riconfermato Frinchi segretario dell’Udc siciliana. L’assise dei centristi si è tenuta all’hotel delle Palme, a seguito dell’autoconvocazione da parte degli iscritti dei congressi provinciali e dell’accoglimento dei ricorsi dell’onorevole Gianluca Miccichè e dello stesso Frinchi alla Commissione per le garanzie statutarie, ai sensi degli articoli 79 e 81 dello statuto del partito.


Alla presenza del presidente nazionale dell’Udc, Gianpiero D’Alia, i delegati regionali hanno riconfermato, oltre a Frinchi, anche il deputato regionale Margherita La Rocca Ruvolo alla presidenza dello scudocrociato siciliano.  Confermati come vice segretari Marco Lucio Forzese e Totò Lentini. Paolo Alibrandi è il segretario amministrativo e Matteo Francilia a capo della segreteria politica. Il capogruppo all’Ars Mimmo Turano, i parlamentari regionali e i segretari provinciali faranno parte della segreteria allargata deliberata dal congresso. 

Ma è guerra in casa Udc. Dopo il congresso regionale siciliano, arriva la nota della segreteria nazionale che bolla come illegittima l’iniziativa definendola «una farsa» e dichiara illegittimi tutti gli atti conseguenti a partire dalla nomina del segretario regionale.
«Il congresso regionale e quelli provinciali, così come in tutto il resto d’Italia e nel rispetto dello Statuto e del regolamento congressuale, - si legge nella nota - si celebreranno regolarmente a settembre e saranno convocati dal commissario regionale e dai commissari provinciali nominati dalla segreteria nazionale. Nelle prossime settimane il commissario regionale e i commissari provinciali dell’Udc in Sicilia svolgeranno degli incontri con iscritti e dirigenti delle singole province».

Il presidente nazionale dell’Udc Gianpiero D’Alia si dissocia però dalla nota della segreteria nazionale. "Non sono abituato a partecipare a farse ha detto D'Alia -. Ho preso parte ad un congresso regionale voluto dagli iscritti, da tutti i deputati regionali e da tutti i dirigenti provinciali dell’Udc Sicilia, un congresso vero". «Un comunicato - sottolinea D’Alia - offensivo e surreale oltre che anonimo diramato da una fantomatica segreteria nazionale». «Svolgerò i dovuti accertamenti per individuare l’autore del comunicato e lo deferirò al collegio nazionale dei probiviri del partito chiedendone l’espulsione», conclude il presidente dell’Udc.

Anche il segretario regionale dell’Udc siciliana Adriano Frinchi, appena riconfermato parla di una nota "gravemente offensiva nei confronti della classe dirigente dell’Udc siciliana e del gruppo parlamentare all’Ars". "Non abbiamo però intenzione ha aggiunto - di imbarcarci in una polemica sterile e surreale, conseguentemente abbiamo già dato mandato ai nostri legali per tutelare in ogni sede gli iscritti e i dirigenti del partito in Sicilia".

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

Catania, sventata rapina a Tir, sei arresti

 
Comiso, ecco il piromane del Comune

 
Santa Maria di Licodia: scardinano bancomat: arrestati

 

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa