WHATSAPP: 349 88 18 870

"Bionda" "rossa" o "nera", la birra di qualità si fa strada in Sicilia

Sono sempre più in voga la ricerca e l'assaggio della birra particolare che ormai si puo' trovare in molti locali anche nell'isola

"Bionda" "rossa" o "nera",  la birra di qualità si fa strada in Sicilia

Catania - All’inizio erano solo “Moretti” e “Peroni”, qualcuno magari conservava in fondo al frigo pochissime “bionde” o “rosse” estere semi-conosciute; ma niente di più. Oggi,invece, la domanda si diversifica e le birrerie in Sicilia sono decine. Locali non molto grandi -ma molto ben forniti- dove la scelta sulla birra preferita può durare tanto tempo perché, tra 4-5 frigoriferi pieni e con le bevande provenienti dai quattro angoli della terra, la decisione si fa sempre più ardua.

«La cultura della “bionda”, della “rossa” e della “nera” è cresciuta negli ultimi anni anche se di strada,in questo senso, in Sicilia e soprattutto in Italia ne dobbiamo fare ancora parecchia perché siamo distanti anni luce da paesi come il Belgio, l’Olanda oppure l’Inghilterra. Oggi assistiamo ad un processo dove la gente vuole bere di qualità e vuole trovare un ambiente familiare dove può chiacchierare, suonare la chitarra oppure giocare a freccette».

A parlare è Carmelo Urso di “Street of The Beer”. Bionda o scura, fredda o a temperatura ambiente, con gli amici oppure con la fidanzata o la moglie, per festeggiare qualcosa oppure per celebrare…un bel niente. Bicchieri su bicchieri svuotati per assaggiare la “bionda inglese”, la “scura siciliana” oppure la “rossa danese” e…chi più ne ha, più ne metta. Così nel paese del vino, la birra non è affatto un prodotto di serie “B”, anzi. Anche in questo settore ci sono fior fiori di degustatori che consigliano che tipo birra artigianale scegliere. Specialità fatte di gusto, tendenza e continua evoluzione. Naturalmente bisogna bere con responsabilità perché far bisboccia con gli amici va bene, alzare un po’ il gomito va bene ma quando ci si mette alla guida non bisogna mai superare i limiti consentiti dalla legge. Lo sanno bene consumatori e produttori.

«Questo tipo di imprese, oltre ad attirare l’imprenditoria giovanile, hanno il pregio di rivitalizzare ed animare luoghi della nostra città che altrimenti resterebbero deserti come Largo Rosolino Pilo- dice Orazio Grasso, consigliere della circoscrizione di “Borgo-Sanzio”-. Persone che ci mettono passione e che rappresentano un modello da seguire e da incentivare per aiutare molti trentenni a trovare uno sbocco professionale e creare un circuito economico virtuoso».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa