WHATSAPP: 349 88 18 870

Bimbo ucciso dai cani a Mascalucia, venerdì il primo interrogatorio della madre

La donna è accusata di abbandono di minore, attesa per l'esito delle indagini

Bimbo ucciso dai cani a Mascalucia, si cerca la verità nelle riprese delle telecamere

I due dogo argentini che hanno ucciso il piccolo Giorgio

CATANIA - C’è grande attesa per l’esito delle indagini coordinate dal procuratore capo Carmelo Zuccaro assieme al sostituto Fabrizio Aliotta, sia in merito al futuro di uno dei due cani di razza dogo argentina che il 16 agosto scorso hanno assalito e ucciso il piccolo Giorgio Bonarrigo di 18 mesi che su Stefania Crisafulli, la madre del bambino, al momento indagata per abbandono di minori. Il 9 settembre è in programma l’interrogatorio della donna da parte della polizia giudiziaria.

 

I due cani si trovano ancora sequestrati e “ricoverati” in un canile a nord di Mascalucia. Ed è là che stanno aspettando il giudizio sul loro futuro. A compiere l’aggressione fatale, di fatto, è stato il dogo più giovane, «Macchia», figlio della femmina Asia. Il giudice potrebbe decidere se farli abbattere o affidarli ad un centro di rieducazione. Intanto l'Oipa (Organizzazione internazionale protezione animali) ha presentato al Comune e all'Asp una formale richiesta di affido dei due cani con l'obiettivo di trasferirli presso una struttura specializzata nella riabilitazione comportamentale. Stefania Crisafulli, peraltro veterinaria, amante e appassionata di animali, mai avrebbe potuto immaginare un risvolto simile. «Macchia» e «Asia», erano a tutti gli effetti due membri della famiglia Bonarrigo.

 

«I cani stavano sempre liberi - ha commentato l'avvocato Fabio Cantarella - perché perfettamente integrati nella famiglia». 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa