WHATSAPP: 349 88 18 870

Sacchi di ossa nel cimitero di Caltagirone, sindaco chiama i carabinieri

Sono probabilmente resti disotterati da anni. La macabra scoperta del primo cittadino Ioppolo in una vecchia casupola del complesso cimiteriale che doveva essere rimossa

Sacchi di ossa nel cimitero di Caltagirone, sindaco chiama i carabinieri

Cappelle del cimitero di Caltagirone

CALTAGIRONE (CATANIA) - Sacchi contenenti ossa umane, probabilmente abbandonate da anni dopo essere state tolte dalla sepoltura, sono stati trovati dal sindaco di Caltagirone, Gino Ioppolo, che ha avvisato i carabinieri, in una vecchia casupola in lamiera del cimitero, che doveva essere rimossa.


«Avevo concordato con l’assessore Vito Dicara di attivarsi in questa direzione ma - ricostruisce Ioppolo - ho appreso da lui che in quella struttura di lamiera abbandonata c'erano, probabilmente, ossa umane disseminate. Ho quindi deciso di verificare personalmente la fondatezza della notizia e di fronte al triste spettacolo che mi si è presentato non ho potuto fare altro che avvertire immediatamente le forze dell’ordine».


I carabinieri hanno avviato gli accertamenti necessari e il Comune si è assunto l’impegno di assicurare ai resti «una degna collocazione» anche se, sottolinea il sindaco, «purtroppo molti rischiano di rimanere ignoti. E’ molto spiacevole - osserva Ioppolo - pensare che una persona possa piangere il proprio defunto recandosi a deporre un fiore davanti alla sua tomba, mentre i resti del proprio caro su trovano altrove, ammassati come pietre dentro un sacco abbandonato». 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa