WHATSAPP: 349 88 18 870

Catania, apre l'anfiteatro sotterraneo ma l'accesso è solo per pochi

La proposta dell'istituto di ricerca Ibam-Cnr è stata accolta con entusiasmo: gruppi limitati e percorso parziale «completato» con dispositivi virtuali

Catania, apre l'anfiteatro sotterraneo ma l'accesso è solo per pochi

E loro, con grande pazienza, hanno ripetuto a tutti che, per motivi di sicurezza, l’ingresso è permesso solo a 30 persone per volta, che poi sono suddivise in due gruppi; che la visita dura un’ora e che, dunque, nelle tre ore di apertura, dalle 18 alle 21 sono previsti sono tre turni per complessive 90 persone. Spiegano che le prenotazioni sono esaurite anche per giorno 30 settembre, che quelle per il 5 ottobre si apriranno solo il 29 settembre e che bisogna prenotarsi attraverso il sito www.catanialivinglab.it ; aggiungono che l’altra data certa di visita è l’8 ottobre e che per conoscere le successive bisogna attendere. E le proteste crescono perché tutti vorrebbero visitare il monumento, ma capiscono che non è così semplice. Protesta anche chi, attraverso facebook, sapeva dell’obbligo di prenotazione, ma non è riuscito a farla. Apprendono così che le prenotazioni si erano esaurite in poche ore. E la preoccupazione cresce.

 

Una vicenda che, ancora una volta, testimonia la fame di cultura dei catanesi che accorrono in massa ad ogni proposta interessante. Una risposta di pubblico che fa capire come sia difficile gestire un’iniziativa di così ampio respiro dovendola limitare a piccoli numeri e a pochi giorni. Insomma, i catanesi chiedono - anche per i potenziali turisti - che l’anfiteatro sia aperto sempre, anche nella parte «nascosta», e di potere usufruire dei servizi di guida, inclusa la visione del video che presenta un’ipotesi di ricostruzione virtuale del monumento com’era.

 

«Per la prima volta in Italia un ente pubblico che fa ricerca ha deciso di prendere in gestione per qualche mese un monumento archeologico per farne capire l’importanza e come potrebbe essere valorizzato. La nostra è una provocazione. Vogliamo lanciare un messaggio», spiegano gli archeologi che fanno da guida, ricercatori di Ibam-Cnr, l’Istituto per i beni archeologici e monumentali che la lanciato l’iniziativa e che gestisce questa sperimentazione, ché il monumento continua ad essere gestito dal «Polo museale». Messaggio che i catanesi hanno ricevuto e capito al volo.

 

Poi ha inizio la visita che è una scoperta, anche della parte nota a tutti, perché la spiegazione consente di conoscere la storia del monumento, di sapere che spazio occupasse nella città di allora, come veniva utilizzato e da chi, dove stavano le bestie e i gladiatori, dove sedevano gli uomini potenti di città e dove la popolazione comune. Un visore regala l’emozione di trovarsi nell’arena com’era, enorme, ricoperta di candido marmo, in mezzo ai gladiatori. Effetti speciali che piacciano tanto ai tempi della realtà virtuale. E se il percorso nelle viscere nell’anfiteatro è molto parziale - dal momento che è possibile percorrere solo una piccola parte del primo ambulacro e guardare a distanza la parte del secondo, la più suggestiva - le guide assicurano ai visitatori che possono fare tutto il percorso da casa, su smartphone o con una card board. Come dire che il virtuale ancora una volta vince sul reale. Ma questa parziale escursione piace ed emoziona comunque quanti hanno avuto la possibilità di fare queste prime escursioni guidate. Ed è questa, la qualità di chi guida, il valore aggiunto della visita di un monumento di cui è stata realizzata anche una guida acquistabile nella libreria Bonaccorsi di via Etnea perché non è possibile venderla sul posto.

 

Alla fine del percorso la «scoperta» dell’altra faccia dell’anfiteatro, quella che si alza sotto il giardino di Villa Cerami e che si può vedere da via del Colosseo. Anzi, si poteva vedere prima che la strada pubblica fosse privatizzata da una pizzeria. E anche e soprattutto di queste cose bisognerebbe discutere quando di parla di valorizzazione di un monumento. Tanto più di questo monumento.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa