WHATSAPP: 349 88 18 870

Milano Moda, se l'eccentricità è una vertigine elegante

La collezione Dsquared2 infiammata di glamour. La sfilata del siciliano Piccione.Piccione

Milano Moda, se l'eccentricità è una vertigine elegante

MILANO - L’ultimo giorno di sfilate milanesi dedicate alle collezioni donna primavera/estate 2017 è stato infiammata dal glamour della passerella di Dsquared2, che ha riportato i suoi ospiti negli scatenati anni 80. Nella pista da ballo di Dean e Dan Caten, fondatori e direttori creativi della Maison, giacche ricamate con maniche a sbuffo e fiocchi in gros-grain accompagnano body attillati e mini dress dalle spalle importanti, corpetti trasparenti con applicazioni stile militare nero e oro e gonne con stampa animalier. Il denim, questa volta dal fit over, lungo o corto, a vita bassa, strappato, trattato “acid wash” o “bleach white”, è sempre un capo imprescindibile del guardaroba della donna Dsquared2.

 

“L’eccentricità è una vertigine elegante che rende unica l’impronta di una donna” dichiara Alessandro De Benedetti, direttore creativo di Mila Schön che nelle sue creazioni propone una donna che si innamora di un esploratore amando anche il fascino dei suoi abiti. Qui il parka è realizzato in tessuto double, il lungo trench in evanescente chiffon è proposto in tre nuance di verdi, il caban stile workwear è proposto come abito da sera in sontuosa duchesse mentre la tuta ha un effetto tromp l’oeil. Lo scampanellio dei bijoux in galvaniche canna da fucile diventa parte della colonna sonora del défilé.

 

 

Arthur Arbesser si affida ai ricordi ma senza nostalgia. Gli abiti indossati nelle foto della famiglia Arbesser vengono rivisitati. Così i capi in pizzo sono stampati con un camouflage dalle tinte insolite, il classico Vichy è ricoperto da un incantevole filtro madreperla che lo fa luccicare mentre i costumi del Palio di Siena si trasformano in maglie e shorts.

 

 

 

 

Ci spostiamo adesso nel “Mediterranean Lifestyle” di Harmont&Blaine con la collezione disegnata da Marianna Cimini sotto la direzione creativa di Paolo Montefusco. Ispirate a un colorato e mediterraneo bouquet floreale le creazioni, per l’attacco di stagione, sono caratterizzate da una palette tinta di blu e verde come le varianti dell’ortensia e tocchi di giallo presi in prestito dalla zagara. Quando le temperature cominciano a salire i tessuti diventano impalpabili e sono illuminati da tutte le sfumature del meraviglioso hibiscus e dalle splendide tonalità di lilla, viola e fucsia della buganvillea. Nella collezione elegantemente informale si notano lavorazioni artigianali come i pregiati ricami su tulle che impreziosiscono i capi.

 

 

“Sapevamo, finalmente, che le ragazze erano in realtà donne vestite da bambine, che erano in grado di capire l’amore e perfino la morte e che il nostro compito era solamente quello di creare un rumore sufficiente ad affascinarle”. Guarda al libro di Jeffrey Eugenides: “Il giardino delle vergini suicide” la collezione Piccione.Piccione. Pizzi, ricami e stampe sviluppano un racconto ossessivo che ruota intorno agli stereotipi del femminile secondo lo stilista di origini siciliane Salvatore Piccione. I colori delicati spaziano dal rosa al lilla con tocchi di menta e aiutano la fusione visiva di strati di tessuti diversi: le trame articolate dei pizzi vengono stampate, poi ricamate e infine smorzate da frange.

 

 

 

È un omaggio, infine, all’indimenticabile Marilyn Monroe il trench in cachemire fleece, stampa Vichy, in cui i disegni geometrici evidenziano la preziosità della nobile fibra, proposto per la donna dal Lanificio Colombo.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa