WHATSAPP: 349 88 18 870

Canicattì, giovane rappresentante catanese trovato morto nella camera d'hotel

Sin da subìto l'attenzione degli investigatori si è concentrata sulla posizione in cui è stato trovato il cadavere. Riverso a pancia in giù sul letto

Canicattì, giovane rappresentante catanese trovato morto nella camera d'hotel

Canicattì. Trovato morto in una stanza d'albergo B.P., trentenne rappresentante del catanese. Era rimasto a dormire a Canicattì, in attesa di completare il consueto giro dei clienti. L'uomo era arrivato martedì sera e aveva preso una camera nel solito albergo, per trascorrere la notte. Ieri mattina il personale non lo ha visto scendere ed è andato a chiamarlo in camera. Non ricevendo alcuna risposta è stato deciso di chiamare la polizia. Appena giunti sul posto gli agenti e il direttore dell'albergo, con una copia delle chiavi sono entrati nella stanza facendo la tragica scoperta. Sul posto sono intervenuti gli operatori del 118, ma non hanno potuto far altro che constatare la morte del giovane rappresentante.

 

In pochi attimi nella zona sono intervenuti i vertici del Commissariato di Canicattì e gli esperti della Scientifica. Sin da subìto l'attenzione degli investigatori si è concentrata sulla posizione in cui è stato trovato il cadavere. Riverso a pancia in giù sul letto. Polizia e medico legale, con il coordinamento della Procura di Agrigento, si sono messi al lavoro per risalire alle cause della morte, tenendo in considerazione, che sul corpo non c'erano segni da colluttazione. Il medico legale che ha effettuato l'ispezione cadaverica si è sbilanciato su un punto: il 30enne era già morto da qualche ora, dal momento in cui è stato ritrovato. Dopo altri accertamenti e indagini, il medico legale attraverso l'esame cadaverico ha accertato, che sul corpo della vittima non c'erano segni di violenza, né di arma da taglio, né di overdose da stupefacenti, né da strangolamento.

 

Dal contesto ambientale gli inquirenti hanno ricavato, che l’ipotesi più plausibile poteva essere quella di un improvviso malore. Poco più tardi è arrivata la conferma: a causare il decesso di B.P., è stato un aneurisma cerebrale. La salma è stata trasportata presso la camera mortuaria del cimitero canicattinese. Non sarà effettuata l’autopsia.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa