WHATSAPP: 349 88 18 870

Ennesimo furto alle Terme di Acireale, rubati 2 frigoriferi industriali e un lavello

Lo storico hotel visitato dai ladri per la 10ª volta in un anno senza che ancora sia stata pensata un'azione di contrasto

Ennesimo furto alle Terme di Acireale, rubati 2 frigoriferi industriali e un lavello

ACIREALE - Una spoliazione continua e inarrestabile, e nessuna azione di contrasto è stata approntata dal commissario liquidatore nel tentativo di arginare i continui raid dei ladri all’Hotel delle Terme di Acireale. Nell’ennesimo furto notturno, il decimo consumato nell’arco di appena un anno, sono stati rubati dalle cucine dell’albergo due frigoriferi industriali e un grosso lavello in acciaio, del valore di svariate migliaia di euro.

In passato la struttura ricettiva è stata depredata di cavi elettrici, mobili, termosifoni, climatizzatori, infissi e diversi oggetti di valore asportati dalla hall, dai piani, dai magazzini, dal locale delle cucine e dall’attigua sala ristorazione. Un furto ben orchestrato: gli investigatori non escludono che si possa trattare di un colpo su commissione. La banda, composta da almeno cinque elementi, sapeva come muoversi nell’oscurità dei luoghi e dopo aver spostato a mani nude un vecchio e pesante congelatore che era stato sistemato a protezione di una delle porte di servizio, già scassinata nel corso di precedenti incursioni notturne, ha raggiunto il locale cucine. I predatori puntavano ai tre grandi frigoriferi, rubandone due e spostando l’ultimo sull’uscio della porta di servizio, pronto per essere trasferirlo altrove.

Rimane avvolta nel mistero la tecnica utilizzata dai malviventi che sono riusciti a caricare su un mezzo furgonato l’ingombrante e pesante refurtiva. Non c’è pace per lo storico “tre stelle”, chiuso nel 2011 a seguito di un contenzioso tra il gestore e la Regione proprietaria dell’albergo, e da allora spolpato dei beni di valore da bande di malviventi, cercatori di rame e dal sistematico passaggio di orde di vandali. E’ stato l’unico custode ancora in servizio, durante l’ispezione mattutina, ad accorgersi del furto e a telefonare al 112.

Una pattuglia di carabinieri della locale compagnia, giunta sul posto poco dopo, ha prelevato le impronte digitali da una delle porte scardinate dai malviventi e dal battente dell’ultimo frigo rimasto, nella speranza di risalire all’identità dei malviventi. Una squadra di operai specializzati ha applicato delle piastre di metallo, assicurate con delle viti, per bloccare le porte divelte dai ladri dall’interno. Un palliativo destinato a fallire al primo tentativo di scasso. In zona non ci sono telecamere a circuito chiuso che possano aiutare gli inquirenti nelle indagini. Lo storico hotel rimane ancora incustodito e in attesa del promesso sistema di videosorveglianza.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa