WHATSAPP: 349 88 18 870

Turismo, gli itinerari religiosi in Sicilia: nuovi percorsi tra fede e cultura

Ad "Aurea" la presentazione a buyers italiani e stranieri dei progetti finanziati dalla Regione

Turismo, gli itinerari religiosi in Sicilia: nuovi percorsi tra fede e cultura

In vetrina ci saranno destinazioni di significato spirituale, pellegrinaggi che si ripetono da secoli, itinerari di fede e percorsi naturalistici per chi ama i “santuari” della natura. «È un turismo che per il 60% proviene dall’estero, per questo un gruppo di operatori stranieri parteciperà in Sicilia, il 21 e il 22 ottobre, a due educational, uno sul segmento religioso, l’altro sul turismo naturalistico. Inoltre, prima dell’estate promuoveremo la Borsa del turismo religioso a Monreale, in collaborazione con la Curia, nello straordinario Museo arcivescovile. Gli itinerari religiosi e naturalistici naturalmente incrociano quelli culturali, fanno tappa nei conventi, nelle chiese, nei musei».

 

Oltre ai 13 itinerari finanziati e affidati alla regia di partenariati misti pubblico-privati, l’assessorato sostiene direttamente gli “Itinerari di fede”. «E’ un sostegno non occasionale ma che ha una continuità. L'assessorato vuole promuovere itinerari turistici legati al culto, a luoghi sacri e più in generale al turismo religioso. Gli itinerari sono uno per provincia per la promozione delle feste religiose e delle tradizionali settimane sante attraverso segnaletica, brochure, video. Le feste religiose in Sicilia, le nostre feste barocche, hanno una grandissima attrattiva turistica sui mercati internazionali. Fede, storia, cultura, tradizione popolare sono elementi che affascinano i turisti e che offrono un’altra occasione di destagionalizzare i flussi».

 

Gli itinerari contano La festa di S. Agata (Catania); Il cammino di fede di S. Alfio (Messina, Taormina, S. Alfio, Trecastagni e Lentini); La festa di S. Lucia (Siracusa); Il cammino di fede di S. Rosalia (Palermo); La festa di S. Calogero (Agrigento); le Settimane Sante di Trapani, Enna e Caltanissetta; La vara di Messina; Le feste di S. Giorgio e S. Giovanni (Ragusa).

 

I 13 progetti appena finanziati si articolano in una fase di formazione degli operatori e prevedono poi la realizzazione di segnaletica e cartelli, il coinvolgimento di partner per l’ospitalità lungo i percorsi, l’organizzazione di educational tour, la confezione di pacchetti turistici.

 

Per quanto riguarda il turismo religioso i progetti prevedono la riscoperta delle Vie francigene regionali, «che già creano tanto movimento»; un percorso collegato alla Madonna Nera di Tindari, «con una particolare attenzione al turismo cosiddetto “di radice” attraverso contatti con le associazioni di emigrati italiani all'estero»; un itinerario si muove sulle orme del “Venerabile servo di Dio" don Francesco Paolo Gravina principe di Palagonia tra villa dei mostri di Bagheria e le località in cui sono presenti testimonianze della sua vita e delle sue opere; e ancora la riscoperta degli antichi cammini francescani in Sicilia. Sarà presentato anche un itinerario turistico-religioso tra l’Etna e Caltagirone, “Sicilia tra sacro e tradizioni”, che tocca Catania, Pedara, l’Etna, Piazza Armerina, Caltagirone, e che prevede la fruizione di beni religiosi anche in chiave turistico-ricettiva, con i pernottamenti alla “Casa San Tommaso” di Linguaglossa e a Villa Sturzo. Un itinerario che, oltre al Museo della ceramica, ha un elemento di eccellenza nel Museo diocesano di Caltagirone - che ospita anche una tavola fiamminga del XV secolo, ora in restauro - città dove vengono proposti tre itinerari: quello sturziano, quello francescano e quello barocco.

 

Laghi, montagne, regie trazzere, trekking sull’Etna, cave iblee, gole dell’Alcantara, escursioni tra Madonie e Nebrodi: gli itinerari naturalistici puntano sul turismo ambientalistico, una nicchia che ama il contatto con la natura, la scoperta di territori incontaminata, le passeggiate immersi tra i boschi o sul nostro vulcano che richiama turisti da tutto il mondo. «Un progetto ripercorre le orme siciliane degli autori romantici - aggiunge ancora l’assessore Barbagallo - mentre con il progetto Trek & Kids si è costituita una rete che punta sulle famiglie con bambini».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa