WHATSAPP: 349 88 18 870

Taormina, "Nicole" nata morta. «Parto rinviato, poi la tragedia»

Nuovo presunto caso di malasanità. Denuncia dei genitori di Giardini Naxos: autopsia sul corpicino

Taormina, "Nicole" nata morta. «Parto rinviato, poi la tragedia»

Il marito ha infatti sporto denuncia negli uffici del commissariato di Taormina, diretto dal vice questore, Enzo Coccoli. Quella della trentottenne mamma era stata, stando a quanto riferito dal papà ai poliziotti, una gravidanza assolutamente tranquilla. Gli esami preliminari, sia di bimba che mamma, erano perfettamente nella norma. Nella mattinata di domenica è iniziato il travaglio. Si erano, infatti, rotte le acque alla donna e dunque è iniziata la corsa verso il vicino ospedale per completare quello che sarebbe dovuto essere un lieto evento. Si è svolta l'accettazione al Pronto soccorso mentre la donna era già nel reparto per i primi accertamenti. Il monitoraggio preliminare è risultato essere assolutamente tranquillo. Intorno alle 15,30 la gravida è stata trasportata in sala travaglio per iniziare il parto. Intorno alle 23 i dolori sono sono stati più intensi, ma i medici, avrebbero chiarito che ancora non era il momento giusto per partorire. Fino a questo punto il battito della nascitura sembrava essere nella norma. L’attesa del parto naturale sarebbe proseguita fino alle 5 del mattino, fino a quando i medici hanno constatato che il cuoricino della bimba dava segni di stanchezza. Stando sempre a quanto riferito agli inquirenti, intorno alle 6, hanno proceduto a trasportare la donna in sala operatoria per il necessario cesareo. Alle 7 la triste notizia che la bimba, purtroppo, era deceduta.

Una tragedia per la coppia di Giardini, che ha deciso di chiedere lumi di quanto accaduto procedendo ad un esposto presso, appunto, il commissariato taorminese. Sono scattate, dunque, le procedure per accertare quanto realmente accaduto e se sono da riscontrare eventuali responsabilità del personale sanitario. Il tutto è stato raccontato in un esposto agli agenti di polizia che hanno avviato ricerche e accertamenti. Stesso provvedimento è stato assunto dai vertici dell'Asl dalla quale dipende il presidio di Taormina.

«Siamo certamente rammaricati per quanto accaduto - ha affermato il direttore sanitario aziendale, Domenico Sindoni - ma abbiamo, subito, avviato un'indagine interna. Non intendiamo certamente sostituirci alle ricerche della magistratura, faremo, però, i nostri accertamenti in merito». A partire da questa mattina sarà in azione una commissione per verificare tutta la documentazione relativa al caso. Il gruppo è composto da un responsabile del rischio clinico, un collaboratore sanitario esperto ed un dirigente medico di ginecologia estraneo al presidio taorminese.

Intanto, si dovranno attendere gli esiti dell'esame autoptico per avere un primo quadro di quanto realmente accaduto.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • Aurora

    16 Novembre 2016 - 23:11

    Purtroppo negli ospedali nn intervengono con il taglio cesareo nemmeno se stai crepando. Io sono stata 17 ore prima di partorire la mia piccola ed anche lei è nata in sofferenza proprio perché si è aspettato troppo tempo.Ringraziando Dio sta bene ma poteva morire anche lei.Nn c entra più nord o sud .io ho partorito ad Udine .Mi dispiace tantissimo per questa coppia ed in particolare sono vicina alla madre di Nicole che ha patito dolori strazianti per poi ritrovarsi a braccia vuote.Spero che si faccia chiarezza anche se ci si aspetta davvero troppo tempo prima di aiutare una partoriente e a volte è troppo tardi.

    Rispondi

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

I controlli antiterrorismo a Catania

 
Catania, sventata rapina a Tir, sei arresti

 
Comiso, ecco il piromane del Comune

 

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa