WHATSAPP: 349 88 18 870

Ingegnere siciliano in carcere negli Stati Uniti per scarico rifiuti

Girolamo Curatolo accusato di aver sversato liquamo da una petroliera con bandiera tricolore in oceano Atlantico

Ingegnere siciliano in carcere negli Stati Uniti per scarico rifiuti

NEW YORK - L’ingegnere italiano di una petroliera battente bandiera tricolore è stato arrestato per aver deliberatamente nascosto di aver scaricato rifiuti nell’oceano Atlantico. Lo riportano i media Usa. L’uomo si chiama Girolamo Curatolo, è siciliano, e si è dichiarato colpevole davanti al tribunale federale di Newark, in New Jersey: ora è stato condannato a otto mesi di carcere e al pagamento di una multa di 5.000 dollari. Gli scarichi provenivano da una nave di proprietà della società D’Amica Shipping Italia S.p.A., che ha visitato i porti di Everglades in Florida, Baltimora e Bayonne.

 
Curatolo, ingegnere capo della nave cisterna, ha ammesso di non aver utilizzato le attrezzature contro l’inquinamento, oltre ad aver istruito i membri dell’equipaggio di mentire alla Guardia Costiera americana durante le ispezioni. Anche l'ingegnere Danilo Maimone si è dichiarato colpevole e verrà condannato a gennaio.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa