home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Referendum, per exit poll, No avanti con 55-59% ,rispetto a Sì con 41-45%

I primi dati, non ufficiali, sono quelli dei sondaggi, più per ciascuna testata, realizzati per Rai, La 7 e Mediaset

Referendum, per exit poll No avanti rispetto a Sì

Roma - Netto, nettissimo, anche più di quanto i sondaggi avevano previsto: il No alla riforma costituzionale, stando ai primi exit poll si avvia a passo rapido verso il trionfo gettando il governo di Matteo Renzi in una nube di incertezza che, già questa notte, potrebbe registrare le dimissioni del presidente del Consiglio e segretario Pd. Il No, secondo gli exit poll viaggia con una forbice che va dal 54 al 60% mentre il Sì, anche negli exit più 'benevolì, non supera il 46%. «Se i dati saranno confermati Renzi dovrebbe dimettersi nei successivi due minuti per andare subito al voto», sottolinea il leader della Lega Matteo Salvini, tra i primi a parlare dopo la chiusura dei seggi.


In una tornata elettorale che vede l’affluenza sfiorare il 70% (secondo il Viminale si starebbe attestando al 69%) la maggioranza silenziosa alla quale negli ultimi giorni aveva guardato Renzi sembra aver rimpolpato quel vantaggio del No alla riforma che i sondaggi disegnavano fino a due settimane fa. E gli effetti, oltre che sul governo, sono destinati ad essere travolgenti per i maggiori partiti italiani, a cominciare dal Pd. Renzi, già prima della chiusura dei seggi, annunciava in serata una conferenza stampa da Palazzo Chigi. «Martedì ci sarà la direzione del Partito democratico per la valutazione dell’esito del voto e le indicazioni sulle iniziative politiche da assumere», annuncia Lorenzo Guerini dal Nazareno, dove lo stato maggiore Dem è riunito ad eccezione della minoranza, che vive la notte della sua 'rivincità: «Nel campo del No c'è stato un pezzo irrinunciabile del centrosinistra. Il risultato che si preannuncia dimostra che eravamo nel giusto», sottolinea Roberto Speranza.


Un boato di gioia unisce invece idealmente il fronte del No. "E'la vittoria del popolo contro i poteri forti di tre quarti del mondo», è il grido di battaglia di Salvini alla cui richiesta di dimissioni del premier si unisce subito FI, con Renato Brunetta: «Per Renzi è un game over, 'matteostaiserenò», sottolinea il capogruppo azzurro alla Camera. «Sono commosso e orgoglioso», esulta il costituzionalista Alessandro Pace, presidente del Comitato del No che, in giornata, a lungo protesta perché i suoi rappresentanti di lista, per le due ore iniziali, vengono esclusi dall’hangar di Castelnuovo di Porto dove sono state scrutinate le schede del contestatissimo voto estero. Il voto «è un segnale oltre che a Renzi, a Mattarella, gli italiani non vogliono più governicchi», sottolinea Giorgia Meloni di Fdi. Prudente invece, il M5S, che attende i dati reali. «L'Italia c'è», rimarca Roberto Fico riferendosi, in particolare, alla grande partecipazione degli elettori. Mentre, oltre che nel Pd anche per gli alfaniani alleati di Renzi al governo si preannuncia una settimana difficilissima: martedì è prevista l’assemblea dei gruppi Ap e mercoledì sarà invece Ncd a riunirsi nella direzione nazionale.

Ma vediamo nel dettaglio i dati, non ufficiali (quelli ufficiali sono in corso di scrutinio), degli exit poll

 In base al primo exit poll di Ipr Marketing-Istituto Piepoli per la Rai sul referendum il Sì è al 42-46% ed il No al 54-58%.

In base al primo exit poll di Emg per La7 sul referendum il Sì è a quota 41-45%, il No a 55-59%.

In base al primo exit poll Tecné per Mediaset sul referendum il Sì è al 41-45%, il No è al 55-59%.

In base al secondo exit poll, elaborato ponderando anche i primi dati dello spoglio, di Ipr Marketing-Istituto Piepoli per la Rai sul referendum il Sì è al 40-44%% ed il No al 56-60%.

In base al secondo exit poll Tecné per Mediaset sul referendum il Sì è al 41-45%%, il No è al 55-59%.

In base al secondo exit poll di Emg per La7 sul referendum il Sì è a quota 41-45%, il No a 55-59%.

In base al terzo exit poll, elaborato ponderando anche i primi dati dello spoglio, di Ipr Marketing-Istituto Piepoli per la Rai sul referendum il Sì è al 39-43% ed il No al 57-61%.

In base al terzo exit poll Tecné per Mediaset sul referendum, il Sì è al 40-44%%, il No è al 56-60%.

In base al quarto exit poll, elaborato ponderando anche i primi dati dello spoglio, di Ipr Marketing-Istituto Piepoli per la Rai sul referendum il Sì è al 40-42% ed il No al 58-60%.

  DATI UFFICIALI : 6360 sezioni su 61551. Elettori 46.720.943.

SI 1.136.287 40,9
NO 1.639.777 59,1 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO