home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Nozze a Catania: «Io, nonno, amo Salvatore e adesso me lo sposo»

Michele: «Capii di essere gay 15 anni dopo il matrimonio. Ora lui è la mia famiglia»

«Io, nonno, amo Salvatore e adesso me lo sposo»

Salvatore ha sempre avuto la consapevolezza della sua propensione sessuale, ma desiderava costruirsi una famiglia: «Ero convinto che solo una donna me la potesse dare. Per qualche tempo sono stato fidanzato con una ragazza, ma ciò non mi impediva di avere rapporti con uomini. Solo così ritrovavo me stesso. Con lei avevo anche progettato il matrimonio, ma non ce l’ho fatta ad andare avanti e così tutto è finito perché nel tempo l’avrei fatta soffrire».

Quella di Michele, invece è una storia diversa perché, giovanissimo, ha detto il suo “sì” a una donna. «Ho scoperto di essere attratto dagli uomini quindici anni dopo il matrimonio - racconta - quando cominciai a frequentare un amico stilista col quale iniziai una relazione extra coniugale».

Michele, quando ha confessato tutto in famiglia?

«Qualche tempo dopo essere entrato in intimità con il mio compagno di allora. Più mi confrontavo con altri uomini che avevano lo stesso “vizio”, più sentivo la necessità di liberarmi dalle menzogne: un giorno sono tornato a casa dopo il lavoro e ho racconto tutto alla mia ex moglie. Ancora oggi noto che il suo viso è segnato dalla sofferenza e non si è più rifatta una vita».

FOTOGALLERY

Sua figlia, invece, come ha reagito alla notizia?
«Non le ho mai parlato direttamente della mia omosessualità. Ogni sabato, comunque, tenevo a riunire la famiglia andando insieme a cena fuori. Sebbene io abbia sempre supportato le necessità economiche di mia figlia, quando ha compiuto 25 anni ho preteso che imparasse il valore del denaro, quindi è entrata nel mio studio di commercialista e i pagamenti continuavamo con la precedente scadenza settimanale. Avevamo un bel rapporto: lei mi parlava del suo fidanzato e io non avevo problemi a farle vedere il mio compagno. Sebbene non glielo avessi detto esplicitamente, la mia situazione era palese. Poi, a un certo punto, non è più venuta in studio adducendo come pretesto il ritardo nei pagamenti. Da quel momento in poi si è sempre negata alle mie telefonate e ho saputo da altri che si era sposata. Ho cercato di farmi avanti chiedendo spiegazioni, ma si è scagliata contro di me accusando la mia assenza. Sono diventato anche nonno di una bambina che oggi ha un anno, ma ancora non mi è stata data la gioia di tenerla in braccio. A un certo punto della mia vita mi è stato negato il ruolo di padre, adesso pretendo di essere un nonno».


Nonostante tutto, c’è Salvatore…
«Con lui ho ritrovato la serenità. Sono stanco di sentirmi condannato dai parenti e dai conoscenti. Questo sono io, e giorno 14 “sigillerò” la mia scelta di vita. Abbiamo preferito un rito celtico legato a tradizioni antiche secondo cui durante la cerimonia, nel momento del sì, legheremo i nostri polsi con numerose corde a simboleggiare un’unione perenne, indistruttibile e sincera. Sono questi il presente e il futuro che ho scelto».


Cosa prova quando pensa che questa sua felicità è costruita sull’infelicità della sua ex moglie e di sua figlia?
«Io aggiungerei anche quella di mia madre che quando l’ha saputo è svenuta. Per la mia famiglia il trauma, oltre a essere stato affettivo, è stato vissuto con maggiore pathos perché alimentato da una mentalità fortemente tradizionalista a causa della quale essere omosessuali ancora oggi è una vergogna. Sono consapevole che ho peccato perché trent’anni fa giurai amore eterno davanti a Dio. Ho confessato la mia sofferenza a un sacerdote che ha condizionato l’assoluzione al mio ritorno in famiglia. Ma questo non è possibile. Adesso vivo con il coraggio di chi vuole essere onesto e realizzare a tutti i costi la propria felicità. Io e Salvatore saremo presto una famiglia».

[fotoservizio Orietta Scardino]

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa