home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Catania, arriva lo sportello unico per l'edilizia: ora le domande per costruire si fanno on line

Meno tempo e più trasparenza. L'assessore all'Urbanistica Di Salvo: «Così rilanceremo gli investimenti in edilizia»

Catania, arriva lo sportello unico per l'edilizia: ora le domande per costruire si fanno on line

Non è una cosa futuribile, ma il passo che si appresta a fare l’Amministrazione comunale con il Sue, lo sportello unico dell’edilizia che verrà presentato martedì in un convegno che si svolgerà a Palazzo della Cultura alla presenza di amministratori e addetti ai lavori.

 

«Uno sportello unico per l’edilizia - spiega l’assessore all’Urbanistica Salvo Di Salvo, è stato da sempre un obiettivo del sindaco Bianco. Già, a ridosso del regolamento edilizio regionale del 2014 avevamo previsto tale opportunità proprio per semplificare le procedure amministrative e creare un servizio più efficiente nei confronti dei privati, e soprattutto di tecnici e imprese. Con il recepimento da parte della Regione (legge regionale n° 16 del 10 agosto scorso) del decreto presidenziale del 6 giugno 2001, n° 380, (Testo unico sull’edilizia), che obbliga i Comuni entro 180 giorni ad attivare le relative procedure di semplificazione, lo sportello unico per l’edilizia può diventare una realtà».

 

E meno di 180 giorni sono serviti al Comune etneo per riorganizzare l’apparato informatico per attrezzarlo a ricevere e “trattare” la Cila, cioè il certificato inizio lavori asseverato e la Scia cioè la segnalazione certificata di inizio attività. E fra un mesetto anche il permesso a costruire.

La principale funzione  dello Sportello Unico per l’Edilizia sarà quella della regolamentazione di tutti i rapporti fra il privato e l’amministrazione e, quando previsto, con le altre amministrazioni chiamate a pronunciarsi sull’intervento edilizio oggetto della richiesta di permesso di costruire o di denuncia di inizio attività. Si pensi per esempio ai pareri della Soprintendenza, dei Vigili del fuoco o della Asl.

 

Che cosa succederà in pratica? L’utente interessato a una costruzione a una ristrutturazione (o quasi sempre un tecnico, per suo conto) complilerà un modulo, un form on line, allegando i documenti richiesti in base alla richiesta. Se la domanda fosse compilata in maniera errata, l’utente viene informato tempestivamente e nelle more della nuova domanda corretta, gli atti transitano in un archivio temporaneo.

 

Se l’istanza fosse corretta, invece, la domanda viene protocollata (con relativo riscontro all’utente). «E qui - riprende l’assessore - accade che la pratica è affidata in maniera casuale dal sistema informatico a uno dei tecnici comunali che rimarrà sconosciuto all’utente. Il suo interfaccia sarà dunque l’ufficio nel suo complesso e non una singola persona».

 

Toccherà a una conferenza dei servizi permanente, composta oltre che dal Comune, dalla Sovrintendenza e dal Genio civile, decidere se accettare o meno l’istanza entro 30 giorni.

 

«Ma la cosa più promettente è che le pratiche che via via afferiranno all’ufficio - prosegue l’assessore all’Urbanistica - saranno archiviate on line permettendo una più corretta, facile, sicura e meno ingombrante archiviazione».

 

Insomma, da oggi in poi niente più cartaceo, fragile e inaffidabile mezzo, ma file e, appunto Qr Code per identificare un procedimento. «Un passaggio importante anche questo per la storia e la tracciabilità del procedimento: pensiamo per esempio a quanto questo possa aiutare per esempio, in caso di contenzioso, il lavoro di forze dell’ordine e magistratura che in quel quadratino troveranno tutto».

 

E’ quello che l’assessore Di Salvo, ma anche il direttore Urbanistica e gestione del territorio del Comune ing. Biagio Bisignani spiegheranno al convegno di martedì: «Che non servirà soltanto a presentare le procedure, ma anche a chiedere contributi per migliorare eventualmente l’impalcatura del provvedimento. Nel quale - conclude Di Salvo - credo tanto, anche quale mezzo per rilanciare gli investimenti in edilizia nella nostra città. Noi ora offriamo certezza dei tempi della risposta a un’istanza e trasparenza. Non è poco».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa