home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Riciclaggio video-lottery, l'imprenditore catanese Francesco Corallo in manette

Conosciuto come il re delle slot machine, Corallo è figlio di Gaetano indicato come vicino al clan Santapaola. Procuratore di Roma Pignatone: « Giro vorticoso di soldi che venivano portati all’estero per essere riciclati»

Riciclaggio video-lottery, l'imprenditore catanese Francesco Corallo in manette

ROMA - Un mare di soldi che dall’Italia ha raggiunto varie latitudini tra cui le assolate Antille Olandesi. Milioni e milioni di euro evasi al fisco dal 're delle slot', Francesco Corallo. Figlio di Gaetano, ritenuto il 'cassiere' del potente clan catanese dei Santapaola, Corallo era a capo di una organizzazione che puntava al peculato, all’evadere il fisco del ricchissimo business delle 'macchinette da bar' col conseguente riciclaggio di cifre a sei zeri. Il tutto grazie ad una galassia di società, rigorosamente offshore, sparse in mezzo mondo.

 

L’inchiesta della Procura di Roma, coordinata dal procuratore aggiunto Michele Prestipino e dal sostituto Barbara Sargenti, porta alla luce un sodalizio che da anni gestiva una gran massa di denaro in qualità di gestore primario delle video slot. Una maxinchiesta, partita nel 2004, che coinvolge anche Sergio e Giancarlo Tulliani, suocero e cognato dell’ex presidente della Camera, Gianfranco Fini.

 

I due sono indagati per il reato di riciclaggio in una indagine che sembra accendere un faro 'definitivò sulla vicenda della compravendita di un appartamento a Montecarlo che coinvolse lo stesso Fini e fu al centro di una vicenda giudiziaria finita poi in archivio. Tra gli arrestati di oggi anche l’ex parlamentare del Pdl, Amedeo Laboccetta, fermato dai finanzieri dei Scico a Napoli. Quest’ultimo è uno degli uomini di fiducia di Corallo, e legato alla Atlantis world group e poi alla Bplus Giocolegale Ltd, società aggiudicataria della gestione telematica dei giochi.


GUARDA IL VIDEO 


 

In base a quanto accertato dagli inquirenti la cifra sottratta dal 2004 al 2014 al fisco italiano e riciclata all’estero sfiora di 200 milioni di euro. Per il procuratore capo di Roma, Giuseppe Pignatone, siamo in presenza di una "gigantesca attività di evasione fiscale. Quella di oggi è una operazione di eccezionale importanza perché per la prima volta si è svolta una attività su due continenti e una serie di strumenti di cooperazione internazionale». Un filone importante dell’indagine si sofferma sull'attività dei Tulliani.

 

In particolare Giancarlo, secondo quanto ricostruito, avrebbe messo a disposizione di uno degli arrestati, Rudolf Baetsen, legato all’imprenditore Corallo, due società offshore per poter far transitare i soldi destinati alle Antille. Dal canto suo Baetsen si sarebbe mosso per finanziare l’acquisto dell’appartamento di Montecarlo che era stata di proprietà di An attraverso tre società offshore riconducibili allo stesso Tulliani.

 

Su questo fronte una svolta importante è arrivata nel corso di una perquisizione svolta novembre del 2014 presso una abitazione di Corallo, in piazza di Spagna a Roma. In quella circostanza gli inquirenti misero le mani su un pc dove erano presenti file che rendicontavano movimenti finanziari delle società riconducibili al «Re delle slot».

 

Tra le varie voci anche una che portava a Sergio e Giancarlo Tulliani. Corallo avrebbe accreditato ai Tulliani, su un conto corrente estero, circa 2 milioni e 400mila euro per una consulenza che gli inquirenti giudicano fasulla. Nel pc in possesso a Corallo quel passaggio di denaro e «giustificato» con la dicitura: «liquidazione attività estere - Decreto 78/2009, 2,4 milioni di euro». Il decreto in questione è quello approvato nel 2009 e che garantiva ai concessionari dei video slot la possibilità di accedere, tramite specifiche garanzie, ai fondi per l’acquisto e per il collegamento delle slot.

 

«L'importante indagine della DDA di Roma è un colpo durissimo alle infiltrazioni criminali nel settore del gioco legale. Appare inquietante il quadro, emerso dalle indagini, di connivenze istituzionali e politiche che hanno permesso a Francesco Corallo, figlio di Gaetano Corallo che sembrerebbe legato alla famiglia mafiosa dei Santapaola, di acquisire nel 2004 la concessione pubblica di migliaia di slot e conservare una posizione di mercato dominante che ha permesso ingenti profitti e il riciclaggio, attraverso società offshore, di svariati milioni di euro sottratti al fisco». A sottolinearlo è la presidente della Commissione parlamentare Antimafia, Rosy Bindi, che ringrazia «la Procura di Roma, la Guardia di Finanza e lo Scico per il difficile e complesso lavoro d’indagine che ha permesso di ricostruire i legami affaristici, le coperture politiche e i flussi finanziari in diversi Stati esteri di un’organizzazione transnazionale che per oltre un decennio ha controllato il gioco legale online in Italia».

 

«Siamo in presenza di una gigantesca attività di evasione fiscale, un giro vorticoso di soldi che venivano portati all’estero per essere riciclati». E’ quanto ha affermato il procuratore di Roma, Giuseppe Pignatone, nel corso della conferenza stampa durante la quale sono stati illustrati i termini dell’operazione che ha portato all’arresto dell’ex parlamentare Amedeo Laboccetta e dell’imprenditore Francesco Corallo. Pignatone ha ringraziato i finanzieri del Gico e tutti i soggetti che hanno partecipato all’indagini tra cui anche l'amministrazione dei Monopoli di Stato, che hanno fornito il loro supporto tecnico.
«Quella di oggi è una operazione di eccezionale importanza - ha aggiunto il capo della Procura di Roma -. Per la prima volta si è svolta una attività su due continenti e una serie di strumenti di cooperazione internazionale. Siamo riusciti ad ottenere - ha concluso Pignatone - anche il blocco di beni in altri paesi dando esecuzione alle più recenti direttive europee». 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • troinese

    13 Dicembre 2016 - 21:09

    e demandiamo sempre alle forze dell'ordine riparare i guasti della politica.concessioni cosi importanti SI PARLA DEL 40%dati a persone di dubbia moralita'.inciuci a livello legislativo per favorire sempre personaggi poco puliti, che evidentemente nel piatto sanno cosa mettere.giocatori sistematicamente truffati con macchinette non a norma(a proposito chi controlla chi) soldi" distratti" e spediti in paradisi fiscali ETC.anche le concessioni date per il lotto e i suoi "derivati"se partisse qualche inchiesta seria ad es.un controllo a sorpresa sui computer,sulle macchine Venus e sui microchips interni alle palline, io lo farei. ne vedremmo delle belle.perche non fare estrazioni in tempo reale ,perche aspettare un ora dopo la chiusura della raccolta scommesse?forse per avere il tempo di tirare fuori le combinazioni che pagano di meno? questi non sono solo miei dubbi vi posso assicurare che siamo in tanti ma senza potere. capito signor GIUDICE.

    Rispondi

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa