home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Gela, il marito della madre assassina: "Sì, avevamo parlato di separazione"

Gela, il marito della madre assassina: "Sì, avevamo parlato di separazione"

Sulla scena del delitto soltanto un mazzo di fiori bianchi lasciato da un passante. Porta sbarrata, nessun segnale di presenza al primo piano di via Passaniti 5.

Potrebbe cominciare oggi stesso, all'obitorio del cimitero, l'autopsia sui corpi di Maria Sofia e Gaia Trainito, le due bimbe di 9 e 7 anni, uccise ieri dalla madre a Gela. Sarà il medico legale Cataldo Raffino, dell'istituto di medicina legale di Catania, a eseguire l'esame. Il medico dovrà stabilire in particolare se le bambine sono decedute per avvelenamento (essendo state costrette dalla madre a bere candeggina) o per soffocamento, considerato che sulla gola delle piccine sono stati riscontrati segni di un'energica pressione, quasi uno strangolamento.

GUARDA LA FOTOGALLERY

GUARDA IL VIDEO

Intanto a Giusy Savatta, 41 anni, è stato notificato nella stanza dell'ospedale Vittorio Emanuele, dov'è piantonata dai carabinieri da ieri pomeriggio, l'ordine di arresto per duplice omicidio volontario, aggravato dalla discendenza, emesso dal procuratore capo, Fernando Asaro.

In corsia i medici l'hanno accolta ancora in preda a turbe suicida, sottoponendola a terapia sedativa. L'ipotesi dello psichiatra è che sia un soggetto dalla personalità bipolare: donna e madre modello nella società e nel lavoro, violenta e possessiva, fino all'omicidio, nel privato.

MEDEA VESTITA DA BABBO NATALE

E con il passare delle ore diventano più chiari i contorni di ciò che è avvenuto ieri nell'abitazione di via Passaniti.
La donna avrebbe prima poi tentato il suicidio, ingerendo della candeggina e tentando di impiccarsi col tubo flessibile della doccia, dove il marito, Vincenzo Trainito, di 48 anni, ingegnere, docente presso l'istituto per geometri «Ettore Maiorana», l'ha trovata al suo rientro a casa, riuscendo poi a bloccarla mentre si dirigeva verso il balcone col proposito di buttarsi giù.

Intanto le indagini proseguono per accertare se davvero Giusy, insegnante di sostegno precaria, possa avere agito in stato confusionale per il timore che il marito l'abbandonasse o se invece il duplice delitto sia conseguenza di una patologia mentale mai dichiarata, come sospettano alcuni vicini, colpiti da certi suoi comportamenti definiti «strani».

«Da un po' di tempo i nostri rapporti erano peggiorati - ha raccontato il marito, sentito ieri pomeriggio per ore dal procuratore Asaro e dal pm Monia Di Marco - e negli ultimi giorni avevamo cominciato anche a parlare di separazione. Ma lei non voleva accettarla, era diventata sempre più ossessiva e possessiva con le bambine. Ma niente che potesse fare immaginare una tragedia del genere».

Tristezza e rabbia anche nella scuola di Maria Sofia e Gaia, chiusa per le vacanze natalizie. Le suore dell'istituto suor Teresa Valsè: «Le bambine erano molto serene e tranquille, non avevamo segnali di disagio. Preghiamo per loro, due angioletti volati in Paradiso», dicono le religiose, annunciando l'intenzione di voler organizzare una manifestazione con gli altri genitori e bambini.

Rinviata a domani, la seduta del consiglio comunale di Gela in programma oggi, sospesa subito dopo l'appello in segno di lutto per la tragica scomparsa delle sorelline Trattino. In aula, su proposta della presidente, Alessandra Ascia, è stato rispettato un minuto di silenzio. Non hanno partecipato alla riunione i consiglieri del M5s, in segno di vicinanza al loro capogruppo consiliare,Vincenzo Giudice, parente della famiglia Trainito.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO