home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Siti ateneo Catania hackerati

Due pagine web sono rimaste bloccate per ore con la comparsa, in rosso sul fondo nero, della scritta «Stop killing people in Syria». Ad agire sarebbe stato un gruppo tunisino che ha precisato di non appartenere all'Isis

Siti ateneo Catania hackerati

CATANIA - Una denuncia alla polizia di Stato sarà presentata domani dall’università di Catania per l’attività di hacker che hanno oscurato oggi per diverse ore due siti dell’ateneo, Città della scienza e Capitt, facendo apparire la scritta rossa su sfondo nero «Stop killing people in Syria».

Ad agire sarebbe stato un gruppo tunisino di "cyber resistenza", nazionalista e antisionista, che sottolinea però di non essere l'Isis. I tecnici dell’università sono riusciti a rimuovere il messaggio e stanno per redigere una relazione che sarà allegata alla denuncia. 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa