home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Altri cani avvelenati a Paternò

Sono i randagi di Piazza Vittorio Veneto. Uno è morto, l'altro è in gravi condizioni. L'appello dell'Enpa al sindaco affinchè si mobiliti per evitare questi spiacevoli atti

Altri cani avvelenati a Paternò

Ciccio e Gino, i due cani che sono stati avvelenati a Paternò

PATERNO'(Catania). Altri cani avvelenati a Paternò. A denunciarlo è l'Enpa (Ente nazionale protezione animali) che parla di una strage senza fine. «Nel Catanese ormai è strage di cani randagi con un nuovo, gravissimo, episodio di avvelenamento a distanza di dieci giorni dal precedente scrivono in una nota - . Nella tarda serata di ieri sono stati avvelenati i cani del quartiere di Piazza Vittorio Veneto. Almeno due hanno ingerito il veleno, Ciccio e Gino. Il primo sta lottando tra la vita e la morte, il secondo purtroppo non c'è l'ha fatta. Entrambi erano cani di quartiere di indole docile, microchippati e sterilizzati. Degli altri cani nessuna traccia, solo uno è stato messo in salvo da una volontaria».

«Siamo stanchi e addolorati per questi terribili episodi che si ripetono ormai con una cadenza impressionante», dichiara il Presidente provinciale Enpa di Catania, Cataldo Paradiso, che prosegue: «Purtroppo, in una situazione così tragica, siamo costretti ad assistere all'immobilismo del sindaco Mauro Mangano, il quale oltre a non rispondere alle richieste di aiuto dei tanti volontari impegnati quotidianamente - e con grandi sacrifici - nella cura dei randagi del territorio, dimostra indifferenza verso lo sgomento e l'indignazione dei suoi cittadini per i tanti episodi di violenza verso gli animali».

«Ieri sera, nei luoghi dove gli animali sono stati avvelenati, ci siamo mobilitati in tanti per le operazioni di ricerca dei randagi scomparsi e per verificare la presenza di altre esche sul territorio per prevenire altri casi di avvelenamento. Volontari della Sezione provinciale Enpa di Catania e della Sezione Enpa di Adrano, delle Associazioni "Cuccioli dell'Etna", "Upa" e "Il mio Amico", cittadini amanti degli animali, eravamo tutti presenti - conclude Paradiso - tranne autorità e le istituzioni competenti, con la Polizia Municipale, che si è limitata soltanto a far recuperare i due cani in questione. La zona doveva essere bonificata e tabellata, come previsto dall'Ordinanza del Ministero della Salute, ma nulla di tutto questo è stato fatto nell'immediato. Il Sindaco deve avviare subito le indagini per scoprire gli autori di questi ignobili reati e occuparsi in maniera seria del fenomeno del randagismo, che ormai ha assunto dimensioni drammatiche».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa