home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Autostrada Siracusa-Gela, lavori a rischio ma si spera nell'intervento dell'Anas

Già raggiunto accordo con l’azienda che dovrebbe accelerare l'arrivo di fondi statali

Autostrada Siracusa-Gela, lavori a rischio ma si spera nell'intervento dell'Anas

Il rischio c’è, perché le imprese avanzano la bellezza di 20 milioni. L’assessore ne ha parlato sino a qualche giorno fa con le due imprese che si sono aggiudicare l’appalto. Soluzione?

«Per quanto riguarda la Regione, tutti i fondi che erano stati destinati a quei lotti sono già stati erogati, parliamo di circa 50 milioni. Il resto, dunque anche le somme che in questo momento mancano nelle casse del Consorzio Autostradale, devono arrivare dallo Stato e seguono procedure più lente e farraginose. Questo significa che dovrebbe anticiparle il Cas che, ovviamente, non è nelle condizioni economiche per far fronte ad un impegno del genere».

FATTURE NON PAGATE: LUNEDI' OPERAI FERMI

E quindi come se ne esce? Una spinta all’acceleratore dall’assessorato c’è stata: «Innanzitutto abbiamo fatto noi da garanti con Unicredit, tesoriere del Cas, affinché trasferisca al Consorzio risorse che sono già disponibili. Anche se, chiaramente, la soluzione della questione sta nell’altra strategia che abbiamo già avviato da mesi e che sta arrivando al momento del compimento. Il carico della gestione di questi lavori della Siracusa-Gela, tanto per cominciare, passerà all’Anas. Proprio nelle ultime ore è stata definita la convenzione con cui si sottoscrive tra Cas e Anas un contratto di service alla luce del protocollo che ho firmato con i vertici dell’azienda lo scorso 16 novembre. La strada da seguire è quella».

L’unica strada che, a quanto pare, sbuca da qualche parte è quella della società mista Cas-Anas, in cui il partner che subentra avrà il 51%, ma si farà anche carico della passività esistente e dei contenziosi del Consorzio. Il che dovrebbe significare certamente evitare che l’impossibilità ormai acclarata del Cas di rispettare gli impegni che ha come gestore, facciamo decadere le concessioni e si crei il rischio che subentrino altri gruppi per la gestione. Che, naturalmente, lascerebbero alla Regione i debiti, prendendosi solo strade e pedaggi.

«L’Anas - spiega l’assessore Pistorio - assumerà subito la direzione dei lavori della Siracusa-Gela, in attesa che la società mista sia costituita. Aspettiamo che la norma inserita nella legge di stabilità venga approvata all’Ars, per aprire una stagione completamente nuova per la gestione del sistema autostradale siciliano».

Serve una rivoluzione, è stato detto più volte. Ma non è un modo di dire, basta leggere un po’ di numeri che capire quanto sia incartato il Cas. L’unica autostrada che produce profitti è la scassatissima Catania-Messina. Con i soldi che arrivano dai pedaggi il Cas deve pagare stipendi, fare manutenzione ordinaria e coprire i buchi della Messina-Palermo. Un’autostrada, questa, che ha sempre meno traffico e un numero infinito di contenziosi storici. Insomma, è un Cas alle prese con debiti, scarsi introiti, pignoramenti. Non resta che sperare nell’intesa con Anas e, nel frattempo, trovare soluzioni che rendano meno accidentato il cammino. Anche della Catania-Messina, un disastro.

«Sì, un disastro - conferma l’assessore - su cui intervenire. Nei giorni scorsi ho fatto una riunione con i sindaci del comprensorio di quell’area. Ci saranno interventi immediati per 5 milioni di euro per gallerie, manto stradale, illuminazione e guard rail. Con un milione del G7 si rifarà il manto in direzione Catania-Taormina, con i soldi del Cas si interverrà sul tratto Messina-Taormina, intanto. Nel Patto per il Sud abbiamo previsto un finanziamento di 23 milioni per rifare, poi, l’intero manto, ma sono risorse che saranno disponibili solo in seguito. Intanto dobbiamo fare in modo che questa autostrada diventi quanto meno sicura e dignitosa, così come dobbiamo accelerare per garantire che le imprese della Siracusa-Gela ricevano i soldi che avanzano e possano procedere in piena serenità nella realizzazione dei tratti successivi».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO