home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

La rinascita di un marchio, il "miracolo" di 15 mastri birrai

La Birra dello Stretto (ex Messina) festeggia il milione di bottiglie vendute «Non ci davano speranze, oggi siamo orgogliosi dei risultati». E si punta in alto

La rinascita di un marchio, il "miracolo" di 15 mastri birrai

«Il milione di bottiglie vendute in soli quattro mesi è stata per noi una iniezione di fiducia incredibile», spiega Mimmo Sorrenti, presidente della cooperativa che oggi commercializza quattro prodotti. Per festeggiare, i mastri birrai hanno lanciato una edizione limitata della Birra dello Stretto: 50 mila bottiglie verdi che sono andate a ruba in poche ore. Ad ottobre erano entrate in commercio la classica “Birra dello Stretto”, la “Doc 15” e la “Birra dello Stretto premium”, tre delle quattro birre prodotte dalla coop Birrificio Messina, alle quali si è aggiunta qualche mesi dopo una cruda dal gusto forte.

Oggi i birrai lavorano alla rete di distribuzione che si sta espandendo: numerosi punti vendita in città e provincia, diverse catene di supermercati in Sicilia, i locali messinesi e tanti scaffali a Roma, Milano, Palermo, Firenze, Torino e all’estero, in particolare Albania, Inghilterra, Francia e Belgio. «I nostri nonni e padri hanno lavorato qui la birra, oggi siamo orgogliosi dei risultati. In pochi mesi vendiamo in tutta Italia e all'estero, anche in Australia e Nuova Zelanda». Puntano sull’e-commerce, sui nuovi canali di comunicazione, ma soprattutto sull’orgoglio della città e della loro storia unica.

Mentre un italiano su quattro è senza lavoro, lo confermano i dati Istat di inizio anno, mentre a Messina la disoccupazione è oltre il 40%, i 15 mastri birrai hanno saputo reinventarsi puntando sulle loro conoscenze, e sfruttando il sostegno pubblico, locale e regionale. Oggi continuano a lavorare alacremente e sono al fianco di tutti i lavoratori impegnati nelle battaglie sindacali più aspre, come quella dei 40 ex Servirail in lotta con Trenitalia da anni, protagonisti di eclatanti manifestazioni di protesta. All’ultima raccolta di firme in piazza Duomo c’erano anche i birrai dello Stretto, che hanno intonato ai colleghi una canzone: “Ti lamenti, ma che ti lamenti”. Ovvero rimboccatevi le mani, come abbiamo fatto noi.

Gli ex lavoratori Birra Messina erano rimasti senza lavoro nel 2011. Dopo cinque anni di stop hanno creato una coop reinvestendo i 600mila euro del loro Tfr in un piano industriale da 3,2 milioni di euro, approvato dalla Regione che ha concesso loro i terreni dove collocare gli impianti, nell’area industriale di Larderia. Terreni e impianti sono in affitto, e diventeranno dei lavoratori nel 2021. Ma loro sperano succeda molto prima, visto il successo crescente.

A Messina la produzione di birra risale al 1923, allora fabbrica era di proprietà della famiglia Lo Presti-Faranda che l'aveva fondata. Poi nel 1988 è cominciata l'era della Dreher spa di Milano, acquisia dalla Heineken Italia. Nel 1999 lo stabilimento comincia ad essere utilizzato solo come impianto di imbottigliamento, nonostante producesse circa 500mila ettolitri di birra l'anno, gran parte dei quali destinati al mercato siciliano. Otto anni dopo comincia la crisi e la Heineken chiude gli stabilimenti siciliani. La famiglia Faranda a quel punto ci riprova e lancia la Birra Triscele, imbarcando i 41 lavoratori già tagliati dalla Heineken. Il tentativo fallisce però in poco tempo. Gli imprenditori messinesi preferiscono investire nel cemento e diversificarsi nella grande distribuzione, e la fabbrica della zona sud cittadina chiude definitivamente i battenti. Oggi lo stabilimento con la storica effige della trinacria è desolato ed accanto sorge un quartiere edilizio in costruzione. A Larderia, invece, i mastri che si sono reinventati ad oltre 50 anni suonati lavorano, è proprio il caso di dirlo, a tutta birra.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO