home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Ministro Orlando alla Ntet di Camporotondo: «Nel Mezzogiorno si può fare impresa»

Il candidato alla segreteria nazionale del Pd ha visitato l'azienda del catanese come prima tappa siciliana del suo tour #alziamolavoce. Martedì sarà a Palermo

Ministro Orlando alla Ntet di Camporotondo: «Nel Mezzogiorno si può fare impresa»

Catania - Ha scelto un’azienda catanese Andrea Orlando, candidato alla segreteria nazionale del Partito Democratico, per la sua prima tappa siciliana di oggi del suo tour #alziamolavoce: lo stabilimento di Camporotondo etneo della Ntet Spa che produce tubi che contengono cavi di fibra ottica. Oggi l’azienda, che fa parte del gruppo guidato dal Cavaliere Francesco Tornatore, è specializzata anche nelle tecnologie per la fibra ottica e ha acquisito commesse per la banda larga da Telecom, Enel open fiber, Fastweb, Vodafone e Orange Poland.


«Una realtà industriale d’eccellenza», ha detto Andrea Orlando durante la visita nello stabilimento in cui ha incontrato i dirigenti e gli operai della Ntet, insieme al coordinatore regionale della sua mozione Giuseppe Berretta.
«Questa azienda - ha aggiunto Orlando - è un esempio, è la dimostrazione del fatto che anche nel Mezzogiorno si può fare impresa, e la si può far bene, senza assistenzialismo, senza investimenti pubblici ma con determinazione e coraggio, riuscendo a sfidare il mercato e dando lavoro a centinaia di persone. C'è un Mezzogiorno - ha sottolineato il ministro - fatto di grandi capacità imprenditoriali, di persone che sono in grado e hanno la voglia di accettare le sfide globali. Dobbiamo sempre denunciare quando le cose non funzionano, ma al tempo stesso valorizzare gli esempi positivi perché questi ci servono per dire che sì, si può fare».


«Certo, per aiutare queste realtà serve anche una pubblica amministrazione rinnovata ed efficiente e più servizi - ha concluso Orlando - e questo è il compito che spetta a noi». 

Il ministro si è poi soffermato sulla situazione del Pd: «C'è un popolo di centrosinistra che è fuori dal partito che tiene al partito, ma ha cambiato per come sta andando il Pd e in particolar modo in Sicilia con vecchie pratiche notabilari e vecchi personaggi che si ripropongono come prospettiva per il futuro. A questo popolo bisogna dire 'venite a cambiare il Partito democraticò per ricostruire un centrosinistra che sia competitivo». «Occorre costruire un centrosinistra largo che rimetta in moto energie civiche e di tutte le forze che stanno attorno a un progetto di eguaglianza, di redistribuzione del reddito, della riduzione delle distanze che si sono determinate nella società italiana».

 Martedì prossimo, Andrea Orlando sarà a Palermo in vista delle prossime primarie per la scelta del segretario nazionale del Pd. Una visita per incontrare i sostenitori e declinare concretamente la sua mozione «Unire l'Italia. Unire il Pd» assieme ad esponenti del mondo produttivo, delle professioni, dei beni culturali, del mondo dell’associazionismo, dell’ambientalismo e dei diritti civili. Tra le proposte della mozione: l'«Iri della ricerca», un istituto per valorizzare e trovare fondi per la ricerca destinati alle piccole e medie imprese produttive, sociali e culturali; e un piano straordinario di sviluppo della conoscenza e dell’educazione dagli asili nido all’università.


L’incontro politico si terrà alle 10.30 nell’istituto regionale Gramsci ai Cantieri Culturali della Zisa. Previste nella giornata altre due tappe fortemente volute da Orlando che si recherà in forma privata: alle 10 in Via Li Muli per un omaggio a Pio La Torre e Rosario Di Salvo e, alle 13, alla lapide dei caduti delle Forze dell’Ordine presso la Questura.
«La presenza di Andrea Orlando a Palermo ha un grande valore politico per la nostra comunità - dicono i componenti del coordinamento provinciale di Palermo a sostegno della mozione Orlando -. La città si prepara alle elezioni e oggi più che mai, a fronte della scelta del Pd provinciale di presentare una lista civica insieme a esponenti di Alleanza Popolare, serve rilanciare l’identità della sinistra e del centrosinistra a sostegno di Leoluca Orlando sindaco e del progetto comune di rinnovamento culturale ed economico di questa città».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa