home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Pasquetta di sbarchi in Sicilia: arrivi a Catania e Messina

Nel porto etneo sono già sbarcati 1181 migranti mentre nella città dello Stretto sono attese altre 1267 persone

Pasquetta di sbarchi in Sicilia: arrivi a Catania e Messina

Catania - Sbarchi in Sicilia nella giornata di Pasquetta. Questa mattina poco prima delle 8 a Catania sono arrivati 1181 migranti. E' stata la nave militare tedesca Rhein a trasbordarli fino al porto etneo.

E il numero dei migranti in arrivo nell'isola è cresciuto nel pomeriggio con l'arrivo  a Messina, al molo Marconi, di altre 1267 persone giunte con la nave Phanter; tra loro anche numerosi minori non accompagnati.

Sbarchi anche a Porto Empedocle, nell'agrigentino, dove sono stati accolti 451 migranti che erano stati soccorsi nelle acque di fronte il Nord Africa in diverse operazioni. I migranti sono giunti a bordo della nave della Marina Militare «Chimera».

E un intervento di evacuazione, nel Canale di Sicilia, di una donna di 35 anni della Costa d’Avorio, in gravidanza con in atto una forte emorragia, è stato portato a termine nella notte da un rimorchiatore della Capitaneria di porto di Pozzallo che ha coordinato i soccorsi. Sull'imbarcazione il medico marittimo Vincenzo Morello ha raggiunto la nave sulla quale viaggiava la donna, insieme alla sorella, che ha prestato le prime cure. Le condizioni della paziente sono gravi col rischio di un’interruzione anticipata della gravidanza. La donna è sbarcata, insieme alla sorella di 28 anni, nel porto di Pozzallo dove è stata trasferita con un’autoambulanza del 118 nell’ospedale di Modica dove è stata ricoverata. La donna viaggiava sul rimorchiatore O.C. Panther con più di 1200 migranti a bordo e diretto a Messina.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa