home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

G7, frontiere blindate: stop ad attracco navi di soccorso a migranti

Sul divieto in vigore nel Paese fino al 28 maggio il capo della Polizia Gabrielli spiega: «Deriva dalla necessità di non gravare le forze di polizia impegnate nella sicurezza del vertice»

G7, frontiere blindate: stop ad attracco navi di soccorso a migranti

ROMA - «In vista del G7, in programma a Taormina il 26 e 27 maggio, l’Italia da martedì 10 maggio, ha sospeso la libera circolazione prevista dal trattato di Schengen fino al 28 maggio, reintroducendo i controlli alle frontiere terrestri, marittime e aeree, con quasi 10 mila uomini delle forze armate impegnati per questo, per «garantire lo svolgimento regolare e ordinato» dei vertici del G7 e assicurare, come scritto nella direttiva inviata ai Prefetti, un «elevato standard di controllo attraverso una meticolosa attività di pattugliamento congiunto nelle aree di frontiera, con mirati e rigorosi controlli, per evitare l’ingresso di soggetti che potrebbero rivelarsi pericolosi». Lo afferma in una nota il vicepresidente del Senato Roberto Calderoli. 

Il divieto di attracco in Sicilia, da oggi al 28 maggio in occasione del G7 di Taormina, per le navi che soccorrono i migranti «deriva dalla necessità di non gravare le forze di polizia impegnate nella sicurezza del vertice». Lo chiarisce il capo della Polizia, Franco Gabrielli che assicura come i soccorsi continueranno e le navi saranno indirizzate nei porti di altre regioni per la successiva distribuzione sul territorio nazionale. «Qualsiasi altra lettura di questa disposizione - spiega Gabrielli - è fuorviante e strumentale».

 «Per questi 20 giorni, dunque - ha commentato poi il senatore leghista Calderoli - l’Italia si comporta come l’Austria, come l’Ungheria e come altri Paesi comunitari che controllano le loro frontiere per evitare l’ingresso dei clandestini e per ragioni di sicurezza. Pertanto anche noi, se lo vogliamo, quando lo vogliamo, possiamo chiudere e controllare i nostri confini ed evitare ingressi indesiderati sul nostro territorio ovvero quello che la Lega Nord chiede da anni, inascoltata». «Ci rispondevano che non si poteva fare. E invece adesso scopriamo che si può fare, che lo si fa per tre settimane, ma solo per il tempo necessario per avere la tranquillità per poter baciare la pantofola a sette potenti del mondo, illudendoci di essere ancora tra quei sette. La chiusura dei porti e i controlli alle frontiere devono essere ripristinati sine die e questa misura va riconsiderata solo dopo aver neutralizzato e fatto cessare l’invasione di immigrati africani che sta subendo il territorio italiano e il popolo italiano», conclude.
 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO