home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Recuperate in un anno opere d'arte rubate per un valore di 1,7 miliardi di euro

Il bilancio del 2016 dei carabinieri del nucleo di tutela dei beni culturali. Oltre alla testa di Ade, anche una Bibbia del XVI secolo

Recuperate in un anno opere d'arte rubate per un valore di 1,7 miliardi di euro

Recuperati dai carabinieri 930 reperti di interesse storico, 90 le persone denunciate, oltre 600 i controlli preventivi. E’ il bilancio presentato dal generale di brigata Fabrizio Parrulli, comandante del Nucleo tutela patrimonio culturale, e dal maggiore Luigi Mancuso, comandante della struttura di Palermo.

Oltre al recupero della testa di Ade sono stati numerosi i beni recuperati lo scorso anno per un valore di 1,7 milioni di euro. Trovate statuette, vasi, monete anfore e oggetti di metallo che i tombaroli cercano nelle zone archeologiche con i metal detector.

Tra le opere di pregio ritrovate, un dipinto a olio su tavola, risalente al XIX sec., raffigurante Cristo deposto, rubato 30 anni fa da un’abitazione privata a Carini (Pa); il sequestro di un libro antico intitolato «Biblia, ad vetustissima exemplaria, venetiis», risalente al 1587, asportato dal convento dei frati minori cappuccini di Modica (Rg) e un quadro dell’800 di San Girolamo rubato a Napoli e ritrovato a Siracusa.

«Nel corso dell’operazione Himera - ha detto Mancuso - è stata smantellata un’organizzazione dedita al traffico di reperti archeologici scavati in vari siti siciliani e destinati in Germania. Sono state denunciate 22 persone e sequestrati 409 reperti archeologici di epoca greca e romana». Per contrastare il commercio di opere d’arte una mano viene anche dai supporti informatici. «Anche la tecnologia aiuta per cercare di aiutare chi vuole segnalare un’opera rubata o essere certo di non acquistare un’opera rubata - dice il generale Parrulli - C'è un app, iTpc carabinieri, che si scarica sui tablet o smartphone e che consente di accedere ad una banca dati di migliaia di foto di opere rubata. Attraverso la stessa app si possono segnalare anche possibili opere rubate».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa