home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Relazione Dia, "Cosa Nostra in crisi non trova nuovo capo: leadership è ancora di Riina"

Nel documento semestrale della Direzione investigativa antimafia emerge anche che la città di Palermo è suddivisa in 15 mandamenti

PALERMO - «Sotto il profilo della leadership, l’ormai ottantaseienne boss corleonese continuerebbe ad essere alla guida di Cosa nostra a conferma dello stato di crisi di un’organizzazione incapace di esprimere una nuova figura in sostituzione di un’ingombrante icona simbolica, detenuta dal gennaio 1993 e sottoposta a speciale regime carcerario - mentre la Commissione provinciale, atteso lo stato di detenzione di quasi tutti i suoi componenti, risulta impossibilitata a riunirsi».

E’ l’analisi sulla leadership di Cosa nostra da parte di Totò Riina contenuta nella relazione semestrale della Dia. «La Cupola palermitana spendeva la sua influente autorevolezza nell’intero comprensorio della Sicilia Occidentale e, in genere, costituiva punto di riferimento anche per le decisioni strategiche attinenti alla rimanente parte dell’Isola. - spiega la relazione -. In mancanza di un organismo decisionale, idoneo a dare risposte urgenti in una fase di emergenza, Cosa nostra avrebbe riconosciuto legittimità ad agire ad un organismo collegiale provvisorio, costituito dai più influenti capi mandamento della città». Questo organismo assolverebbe a funzioni di consultazione e raccordo strategico fra i mandamenti palermitani - prosegue la relazione - Si tratterebbe di una cupola anomala, che non coinvolge l’intera organizzazione e alla quale prenderebbero parte reggenti scarcerati per fine pena o figli d’arte, che non sempre godono di unanime riconoscimento».


«L'organizzazione mafiosa - conclude - si troverebbe ormai da tempo ad attraversare una fase di transizione. Le famiglie che hanno affidato il controllo del territorio ad elementi impulsivi e talvolta spregiudicati, incapaci di calcolare le conseguenze delle loro decisioni, lontani dallo stereotipo di Cosa nostra, devono ora fare ricorso ai consigli di anziani e uomini d’onore chiamati a sopperire, con il loro carisma, a giovani reggenti inadeguati. Una volta scarcerati, i boss riprenderebbero, infatti, esattamente il loro posto, dedicandosi alla riqualificazione e riorganizzazione delle loro famiglie, decimate da arresti e pesanti condanne». 

E dalle più recenti acquisizioni investigative, il territorio della provincia palermitana risulta suddiviso in 15 mandamenti (8 in città e 7 in provincia), composti da 80 famiglie (32 in città e 48 in provincia). Cosa nostra palermitana permane in uno stato di rimodulazione degli assetti e dei luoghi di influenza. La suddivisione dei mandamenti non è più rigidamente osservata, ma talvolta surrogata da un sistema di referenze territoriali, con compiti di gestione complessiva delle attività criminali di maggiore importanza, e da un ampliamento della competenza d’area delle famiglie operativamente più attive».


«I confini e le norme circa la competenza su ciascuna area sono interpretate in maniera più flessibile rispetto al passato, - prosegue - comportando anche sconfinamenti, indebite ingerenze, candidature autopromosse, progetti di scissione. Nel contesto delineato, l'organizzazione si sforza di conservare una struttura unitaria e verticistica, sebbene l’aver concesso a famiglie (e mandamenti) una maggiore autonomia abbia indotto, alcuni giovani boss e varie articolazioni territoriali, all’assunzione di decisioni talvolta non condivise». 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO